Europa League, quarti andata: Villarreal, Porto e Benfica travolgenti


Europa League quarti – Semifinale in cassaforte per il Villarreal che schianta al Madrigal il Twente con un rotondo 5-1. Va in rete anche Giuseppe Rossi che firma il provvisorio 4-0. Ad aprire le danze, invece, ci pensa Marchena al 22′ di testa che raccoglie una sponda di Català sugli sviluppi di un corner. Nel finale del primo tempo, gli spagnoli chiudono già la pratica: al 43′ raddoppia Borja Valero ben imbeccato da Santi Cazorla, poi nel recupero arriva il tris con Nilmar di testa. Al 10′ della ripresa arriva la firma sul match di “Pepito” Rossi con un sinistro da fuori che si insacca sotto la traversa. All’80 l’azzurro serve Nilmar appostato al limite dell’area, il brasiliano è bravo a sbilanciare con una finta un avversario e con il destro fulmina Mihaylov. Nel recupero arriva la rete della bandiera olandese con Janko.

Valanga portoghese – E’ già in semifinale anche il Porto di Villas Boas che travolge per 5-1 lo Spartak Mosca. Protagonista della serata è Falcao, autore di una tripletta. L’attaccante colombiano inaugura la festa dragoes al 37′, raddoppia Varela al 64′. Tra il 70′ e il 71′ Kombarov fa il bello e il cattivo tempo: prima mette sfortunatamente nella propria porta, poi accorcia le distanze. Ma i russi non hanno fatto i conti con uno scatenato Falcao che all’86’ e al 91′ completa la sua magica serata e permette ai suoi di ipotecare la semifinale. Una grande notte anche per un’altra portoghese: il Benfica che si sbarazza per 4-1 di una squadra non certo sprovveduta, il Psv Eindhoven. I lusitani vanno in rete due volte nel primo tempo con Aimar (37′) e Salvio (45′). Il giovane argentino triplica al 51′. A dieci minuti dal termine Labyad prova a rimettere in corsa gli olandesi, ma al 94′ ci pensa un altro argentino a chiudere – a meno di miracoli – il discorso qualificazione: Saviola, che protegge bene il pallone e insacca sotto misura.

Serata no per Sheva – Il tabellone dei quarti di finale si completa con la gara tra Dinamo Kiev e Sporting Braga. Allo stadio Lobabovski finisce 1-1. Gli ucraini vanno subito in vantaggio al 6′ con un colpo di testa di Yarmolenko su cross di Gusev. Il pari però non tarda ad arrivare: al 13′ è lo stesso Gusev ad andare in rete, ma nella porta sbagliata. Nella ripresa, viene mandato in campo Shevchenko, ma l’ex milanista si fa espellere nel giro di 16 minuti: prima viene ammonito per un brutto fallo, poi si becca il secondo giallo perchè non sente il fischio dell’arbitro che ravvisa un fuorigioco. Per fortuna della Dinamo, il Braga non ne approfitta della superiorità numerica, ma nella gara di ritorno tra una settimana, che si giocherà in Portogallo, avrà una buona chance per accedere alle semifinali. Ecco il quadro completo dei risultati: Benfica-Psv 4-1; Dinamo Kiev-Braga 1-1; Porto-Spartak Mosca 5-1; Villarreal-Twente 5-1.

Miro Santoro