Fabrizio Corona e il suo canale di gossip

 

NovitàFabrizio Corona ora si occupa anche di tv. Lo scorso 29 marzo il network televisivo via internet Streamit Twww.tv ha deciso di ospitare, sul canale numero 10 della propria piattaforma, il progetto televisivo coronastars.twww.tv. Si tratta della prima tv via web interamente dedicata al mondo del gossip. Il canale, realizzato da Fabrizio Corona e diretto da Francesco Bevivino, fa parte di una operazione più ampia che prevede anche il lancio di un settimanale di gossip chiamato Corona Star’s, la cui uscita in edicola è prevista per la metà di aprile, e del relativo portale www.coronastars.com, già online da qualche giorno.

Questo è il centoquarantaduesimo canale ospitato da Streamit Twww.tv, che va così ad inaugurare un nuovo segmento editoriale sino ad oggi mai toccato dal network. Attualmente la piattaforma Streamit Twww.tv ospita un ricco bouquet di canali dedicati ai più svariati generi: sport, moda, informazione, cinema, educational, motori, musica, documentari, trasmessi con una qualità dell’immagine visibilmente più alta rispetto alla media della rete. Sono presenti anche contenuti in alta definizione distribuiti su diverse emittenti, oltre a un canale completamente dedicato (Streamit Hd). In generale i contenuti sono proposti sia nella modalità flusso che in quella on demand, e inoltre la visione non prevede nessun tempo di loading, una caratteristica che avvicina Twww.tv alla classica esperienza televisiva.

 L’accordo è arrivato con la Browser Tv in alta definizione, che inaugura un nuovo segmento editoriale. Insomma il re dei paparazzi è tornato. Anche lui si inchina alla potenza internettiana, e si adatta alle nuove tecnologie. Il fidanzato più discusso d’Italia, si rimbocca le maniche e riprende in mano la sua vita lavorativa. Pare che sta mettendo pian piano tutti i pezzi della sua vita in ordine. Con l’aiuto di Belen Rodriguez, sua fidanzata, con la quale vorrebbe sposarsi e avere dei figli, pare abbia trovato un sano equilibrio. Voi che ne pensate? Vera redensione o azione di marketing?

 Tiziana Di Cicco