Israele attacca Gaza: morti due esponenti di Hamas

Raid israeliano: due vittime a Gaza – Due esponenti di Hamas sono morti oggi all’interno della Striscia di Gaza in seguito a un attacco aereo sferrato da Israele. A renderlo noto è stato lo stesso gruppo islamico. L’uccisione di oggi non è stato un evento isolato: da alcuni giorni è ripresa a salire la tensione tra il popolo palestinese e Israele che ha portato a rappresaglie da ambedue le parti. Il copione è quello di sempre con i militanti di Hamas a sparare razzi che il più delle volte non raggiungono alcun obiettivo e di contro l’esercito israeliano che risponde con tutta la potenza che lo caratterizza, con tanto di aerei e mezzi blindati.
L’attacco di oggi si è verificato nella zona di Khan Younis, nella parte meridionale della Striscia di Gaza, ed è da interpretare come una rappresaglia in seguito al razzo che ieri ha raggiunto il suolo israeliano, colpendo un autobus scolastico e che ha portato al ferimento di due persone.
Nonostante da ambedue le parti le dichiarazioni ufficiali auspicano un’immediata fine degli scontri, il timore che questi fatti non siano da intendere come sporadici, bensì come le prime spie di una prossima nuova escalation di violenza, è forte. Nelle ultime ore, gli obiettivi che le forze armate israeliane hanno preso di mira sono le postazioni militari di Hamas, l’aeroporto di Gaza e i tunnel che sono scavati a confine con l’Egitto per permettere l’ingresso di merci di contrabbando, aggirando, così, l’embargo imposto sul territorio.
I ricordi della guerra sanguinosa condotta da Israele agli inizi del 2009 e durata più settimane sono ancora vivi nella memoria della popolazione locale, che teme di poter rivivere ancora una volta quegli incubi.

S. O.