La Francia punta sul verde: Edf lancia opa su Edf Energies. Enel Green Power da record

La scelta verde. Edf ha lanciato un’offerta per rilevare le azioni di minoranza della controllata Edf Energies Nouvelles.
In un momento in cui anche la Francia sembrerebbe voler alleggerire la propria dipendenza dal nucleare, Edf, controllata dal governo transalpino, mira al 100% della controllata ‘verde’ e offre agli azionisti che detengono il 50% della società la possibilità di scegliere se essere pagati 40 euro per azione in contanti oppure 13 azioni Edf ogni 11 azioni Edf Energies.

Fusione? L’offerta implica un premio del 10,4% sul prezzo di chiusura del titolo nella seduta di ieri e del 23,8% rispetto alla media degli ultimi sei mesi.
La società ha un valore di mercato di 2,8 miliardi di euro e al termine della transazione Edf fa sapere che valuterà, tra le varie opzioni, la possibilità di una fusione con la stessa Edf Energies Nouvelles.
Secondo gli studi del colosso energetico francese, l’offerta avrà un impatto positivo immediato sull’utile per azione del gruppo di oltre il 2% e, invece, un impatto limitato sugli indici patrimoniali.

Enel Green Power. La notizia dell’Opa, che sarà lanciata il 26 maggio (per chiudersi il 15 giugno), ha attirato luce sul comparto e soprattutto sulle società che hanno beneficiato della maggiore visibilità sulle piazze data dall’uscita di scena di Edf Energies. La notizia, poi, che il gruppo Mouratoglou, proprietario di una quota del 25,1% in Edf Energies Nouvelles, ha dichiarato che offrirà la propria quota, il 50% in cash e il 50% in azioni, ha focalizzato del tutto l’attenzione sulle società più attive del settore. Enel Green Power, infatti, oggi ha toccato il suo massimo storico dalla quotazione a quota 2,074 euro, mantenendosi per gran parte della giornata sopra quota 2,045 euro, a +4,75%.

Marco Notari