MiArt 2011: al via la rinomata Fiera d’Arte moderna e contemporanea

MiArt 2011. Ieri 8 Aprile ha aperto i battenti a Milano la sedicesima edizione della Fiera Internazionale d’arte moderna e contemporanea (cliccare su “gallery” per  accedere alle immagini), punto di riferimento per galleristi, collezionisti, curatori di mostre ed editoria del settore. Sono infatti 100 le gallerie invitate ad esporre le opere in loro possesso, 582 gli artisti, di cui circa la metà stranieri. L’evento si concluderà lunedì 11.  La forte presenza “performers” internazionali è motivata dalla volontà dell’organizzazione di imprimere un’impronta più globale alla manifestazione, in modo che essa acquisti sempre più credito a livello mondiale. Pittura, scultura e installazioni convivono in un unico padiglione, il Teodorico di Fieramilanocity.

MiArt e NABA. Come l’anno scorso, anche nel 2011 è stata istituita una collaborazione con la Nuova Accademia Belle Arti, che si svilupperà nel ripercorrere attraverso 100 performance artistiche gli ultimi cinquant’anni della storia dell’arte contemporanea. “Si vuole mostrare –  si legge nel comunicato – come un’arte che vive di una temporalità definita sia riuscia a a fare dell’effimero un elemento di lunga durata”. Gli ambiti delle 100 performance non saranno limitati alla rappresentazione di opere artistiche intese in senso prettamente tradizionale, anzi, a fare da protagonisti saranno anche design, archittettura e moda, tutti settori in cui Milano è da sempre “padrone di casa”. E poi ancora, politica, proteste civili, diritti umani. Il concetto che sembra voler esprimere  100 di 50 è quello che vede la prepotente entrata dell’arte nel quotidiano di ognuno. Il ripercorrere attraverso performance di artisti famosi ed emergenti le tappe più significative degli ultimi decenni rinverdisce la memoria e rafforza quindi l’identità del singolo e della collettività.

A.S.