Premio Strega 2011, ecco la lista dei candidati

Diciannove concorrenti, fuori Rizzoli e Feltrinelli. Ieri era l’ultimo giorno per ufficializzare le candidature al Premio Strega 2011 e, come già accaduto nel corso degli ultimi giorni, non sono mancate le polemiche. I candidati sono 19, come lo scorso anno, ma la notizia è che stavolta non parteciperanno Feltrinelli e Rizzoli e che nella lista dei candidati a concorrere per i 12 titoli da sottoporre al Comitato mancano alcuni nomi illustri, tra cui Umberto Eco e Alberto Arbasino. A tratti rocambolesca e come al solito ostacolata dal peso delle polemiche e del vociare dei salotti, la scelta delle diciannove opere tra le quali venerdì 15 aprile verranno nominate le dodici concorrenti allo Strega non è stata sicuramente una passeggiata. Fra delusioni e stoccate varie troneggia forse l’uscita di Antonio Picca sul Fatto Quotidiano, il quale non appena ha saputo che il suo editore Rizzoli ha deciso di non partecipare al prestigioso premio – il gruppo RCS si presenta infatti con Edoardo Nesi di Bompiani – ha detto che lo Strega sarebbe in tal caso “finito” e che “Rizzoli mette la vittoria nelle mani di Mondadori”.

Il Comitato, presieduto da Tullio De Mauro, è composto da: Alessandro Barbero, Giuseppe D’Avino, Valeria Della Valle, Giuseppe De Rita, Fabiano Fabiani, Alberto Foschini, Dino Gasperini, Melania G. Mazzucco, Ugo Riccarelli. Dopo la selezione del 15, la presentazione ufficiale dei 12 candidati verrà fatta mercoledì 27 aprile presso il Teatro San Marco di Benevento. Da allora si saprà con certezza la lista di coloro che cercheranno di vincere il celebre riconoscimento andato l’anno scorso ad Antonio Pennacchi col suo Canale Mussolini. Di seguito la lista dei 19 candidati:

L’energia del vuoto di Bruno Arpaia (Guanda); Malabar di Gino Battaglia (Guida); Nina dei lupi di Alessandro Bertante (Marsilio); La scoperta del mondo di Luciana Castellina (Nottetempo); Ternitti di Mario Desiati (Mondadori); Settanta acrilico trenta lana di Viola Di Grado (E/O); Mia madre è un fiume di Donatella Di Pietrantonio (Elliot); Nel mare ci sono i coccodrilli di Fabio Geda (B.C.Dalai editore); Il confessore di Cavour di Lorenzo Greco (Manni); Lo show della farfalla di Franco Matteucci (Newton Compton); Storia della mia gente di Edoardo Nesi (Bompiani); La città di Adamo di Giorgio Nisini (Fazi); Francesco è pronto (e sposerà Tina Turner) di Gerardo Pepe (Il Papavero); Aspetta primavera, Lucky di Flavio Santi (Socrates); A cosa servono gli amori infelici di Gilberto Severini (Playground); Emily e le altre di Gabriella Sica (Cooper); La calligrafia come arte della guerra di Andrea Tarabbia (Transeuropa); La vita accanto di Mariapia Veladiano (Einaudi); Mangia la zuppa, amore di Boris Virani (Il Foglio).

Andrea Camillo