Ventimiglia: vuole fare da paciere, viene pestato fino alla morte

Voleva fare da paciere: muore pestato – Un uomo di 53 anni, residente nei pressi di Ventimiglia, è morto la notte scorsa in seguito a un pestaggio subito da un gruppo di ragazzi. Ancora poca chiara la dinamica che ha portato alla tragedia: a quanto pare la vittima, poche ore dopo la mezzanotte, dopo aver sentito schiamazzi e urla provenienti dalla zona antistante la propria abitazione, si è accorto che in una rissa che coinvolgeva una ventina di ragazzi, alcuni di nazionalità italiana altri provenienti dalla Romania, vi era anche il proprio figlio. L’uomo è sceso in strada e ha cercato di mettere fine allo scontro, ma così non è stato, al punto da essere aggredito dalla violenza dei protagonisti che lo hanno pestato fino alla morte. Sulla vicenda è stata già aperta un’indagine con gli investigatori che, in queste ore, stanno ascoltando una ventina di ragazzi.

La rissa è iniziata dentro un locale – Secondo le prime ricostruzioni fatte dagli inquirenti, con l’aiuto di chi ha assistito alla tragedia, la rissa sarebbe scoppiata all’interno di un locale nei pressi di Ventimiglia tra l’una e le due di sabato notte. I protagonisti, a quanto pare metà italiani, metà rumeni, si sarebbero poi spostati all’esterno del bar per regolare i conti: il cinquantatreenne notato il coinvolgimento del figlio ha lasciato la propria abitazione ma ha finito per avere la peggio.
Nelle prossime si cercherà di fare luce su una vicenda che, considerata anche l‘attuale situazione politica italiana con la questione immigrazione al centro dell’agenda del governo, rischia di dare adito a sentimenti xenofobi.

S. O.