Bersani: Il governo non minacci di uscire dall’Europa, serve razionalità

Partito democratico – Protesta l’opposizione contro le continue minacce del governo di uscire dall’Ue, prima del presidente del Consiglio, e oggi dal Ministro dell’Intero Maroni. Bersani si complimenta con il prestigio internazionale di cui parlava Berlusconi quale tempo fa, ovviamente in tono ironico.

Bersani –  Se noi non abbiamo credibilità sufficiente per le cose che facciamo e diciamo in Europa, non avremo mai ascolto” dice a Napoli, a margine di una manifestazione a sostegno del candidato sindaco del Pd e di Sel Mario Morcone, il segretario del Pd Pier Luigi Bersani, riferendosi alla questione dei migranti che stanno continuando ad arrivare in Italia e alle risposte dell’Ue alle richieste del Ministro Maroni.
Almeno per una volta Frattini ha ragione il problema è politico. Se siamo finiti qui è perché apprendisti stregoni della propaganda sono rimasti vittime della loro propaganda e ora ci lasciano dei guai. Questo è il risultato della propaganda del governo… propaganda su propaganda e soluzioni zero. Adesso sento che la destra vuole portarci fuori dall’Ue. Dove vuole portarci, nell’unione africana?”.
Bersani ricorda poi come l’Italia affrontò la crisi kossovara, con 50mila migranti che arrivarono in tutta Europa.
Questi problemi si risolvono con più razionalità – conclude – abbiamo avuto in passato 50mila kosovari e abbiamo risposto con razionalità e umanità. E abbiamo ottenuto solidarietà dall’Unione europea”.

La giustizia – Poi il leader del Pd è tornato a parlare delle vicende giudiziarie del premier: “Scandalo e vergogna. Così non si può più andare avanti. È uno scandalo, una vergogna che anche in queste settimane si sia impegnati in Parlamento, giorno e notte, attorno alle tesi difensive degli avvocati del premier con tutti i problemi che il Paese ha, così non si può andare avanti”.

Matteo Oliviero