Una novità su RaiUno ‘La donna della domenica’

Una novità su RaiUno ‘La donna della domenica’. Oggi lunedì 11 e domani martedì 12 aprile, andrà in onda su RaiUno “La donna della domenica“, la fiction in due puntate tratta dall’omonimo romanzo di Fruttero & Lucentini, un giallo ambientato nella Torino bene degli anni ’70. Tra numerosi intrighi e perso nell’afa di agosto di una città dai mille volti nascosti, riuscirà Santamaria a trovare il vero colpevole dell’atroce delitto? La regia della miniserie è di Giulio Base e gli interpreti principali sono: Giampaolo Morelli (commissario Santamaria), Andrea Osvart (Anna Carla Dosio), Sara Tommasi (la prostituta Dalia), Franco Castellano (l’architetto Garrone), Roberto Zibetti e Fabrizio Bucci. Ecco qualche anticipazione di quello che si vedrà in queste due puntate. A cercare il colpevole dell’omicidio sarà l’ispettore Santamaria, un uomo del Sud Italia trapiantato per motivi di lavoro sulle rive del Po. La sua è un’indagine particolare, che lo condurrà verso gli amici della vittima, appartenti ad una sorta di casta d’intoccabili ed insospettabili altolocali. Tra questi personaggi spicca l’affascinante ed enigmatica figura di Anna Carla Dosio, moglie di un ricco industriale torinese e principale indiziata speciale, con la quale l’ispettore Santamaria inizierà una ‘pericolosa’ relazione.

Non manca neanche una nota di gossip, in questa fiction: infatti nel cast ci sarà la presenza di Sara Tommasi, relativa alle ultime vicende giudiziare che l’hanno vista protagonista nell’ambito del cosiddetto “Rubygate“.In questa occasione, l’avvenente, ex-bocconiana ed già concorrente di un’edizione dell’Isola dei Famosi, interpreta il personaggio della prostituta Dalia. La sua presenza nel cast è stata difesa dal direttore di Rai Fiction Fabrizio Del Noce, che ha sottolineato come la Tommasi attualmente non sia indagata di alcunchè.
I costumi e le scenografie impeccabili con il biondo platino dell’acconciatura della Osvart, saranno sufficienti a far ritrovare l’atmosfera che si respirava all’inizio degli anni ’70 a Torino? Ma soprattutto, questa fiction sarà in grado di non far rimpiangere le interpretazioni magistrali di Mastroianni e della Bisset nella pellicola omonima originale del 1975, capolavoro di Comencini? Non resta che scoprirlo questa serà e domani.

Maria Luisa L. Fortuna