Cremona, maestro abusa di alunno di 9 anni

Violenza sessuale. Un bambino di 9 anni è stato violentato due volte dal suo insegnante di scuola elementare. La prima violenza è avvenuta il 25 marzo, mentre la seconda risale a pochi giorni fa, all’8 aprile. I due abusi sarebbero avvenuti entrambi all’interno di ambienti scolastici: ad uno di essi avrebbe assistito fugacemente un altro insegnante, il quale però non avrebbe rivelato a nessuno ciò che aveva visto. Sono stati i genitori del piccolo, due stranieri, a denunciare l’accaduto, dopo che il figlio aveva trovato il coraggio di raccontare tutto alla madre. Il presunto violentatore è un maestro di scuola elementare che lavora in provincia di Cremona e che svolge anche il ruolo di amministratore comunale.

Un caso di omertà. Secondo la coppia di immigrati, residenti anch’essi nel cremonese, le presunte violenze sarebbero avvenute prima nella doccia di una piscina e poi, venerdì scorso, all’interno del bagni scolastici. Sono gli stessi genitori a sostenere che ad assistere agli abusi ci sarebbe stato almeno un altro insegnante. In occasione dell’ultimo episodio, quello dell’8 aprile, una maestra, dopo aver allontanato il violentatore, avrebbe infatti suggerito al piccolo di non dire niente a nessuno. Ma il bambino, troppo spaventato per dimenticare, avrebbe finito lo stesso per confessare tutto l’accaduto alla madre. Dopo aver certificato l’avvenuta violenza grazie ad un referto fornito dall’ospedale, i due genitori hanno denunciato il fatto ai carabinieri.

Gianluca Bartalucci