Farmaci generici: dal 15 aprile medicinali scontati del 40%

Farmaci generici a prezzo scontato. E’ disponibile sul sito internet dell’Aifa (Agenzia Italiana del Farmaco) la cosiddetta “lista trasparenza”, che contiene l’elenco dei nuovi prezzi dei “farmaci generici”, che dal 15 aprile prossimo saranno scontati fino al 40%. Si tratta di una lista di 4.189 farmaci “fuori brevetto” il cui prezzo è stato ridotto, come previsto dalla manovra estiva 2010 per incentivarne il consumo, sulla base del confronto con i prezzi vigenti in altri Paesi europei (dove ci sono riduzioni fino all’80%), rispetto ai quali l’Italia resta indietro. Basta dunque un clic per confrontare in pochi minuti prezzi e nomi dei farmaci generici. Un modo per raccogliere informazioni utili, in attesa della data di entrata in vigore del nuovo tariffario, il 15 aprile: per ogni prodotto è disponibile l’intera monografia ufficiale, l’indicazione del tipo di ricetta necessaria, la casa farmaceutica, il singolo prezzo.

Favorevoli e contrari alla manovra. Lo Stato, secondo le stime, risparmierà 830 milioni di euro all’anno (solo nel 2011 si stima un risparmio di 625 milioni di euro). “Siamo riusciti a portare a casa la manovra – afferma Guido Rasi, direttore generale dell’Aifa – anche con qualche risparmio in più rispetto agli obblighi di legge’’. Immediata la reazione preoccupata dal fronte delle industrie farmaceutiche, che si sentono penalizzate da questa manovra, e dall’Assogenerici (Associazione nazionale industrie farmaci generici): un taglio ai prezzi dei generici porterà molte piccole industrie che li producono a ritirarsi, a vantaggio dei farmaci di marca.

Cosa sono i farmaci generici. I farmaci generici o equivalenti sono i medicinali non più coperti da brevetto (perché scaduto) o da certificato di protezione complementare, che vengono commercializzati con il nome del principio attivo, ovvero con la Denominazione Comune Internazionale (DCI), accompagnata dal nome dell’azienda che produce il medicinale. I farmaci equivalenti rappresentano un’importante risorsa di salute, sia per le famiglie che per il Sistema Sanitario Nazionale. Oltre ad avere la stessa efficacia e sicurezza dei farmaci “di marca”, infatti, i generici hanno un costo significativamente più basso, consentendo un risparmio importante sia per i singoli che per lo Stato. Attualmente solo il 13% dei principi attivi ha un generico corrispondente, ma presto scadranno molti altri brevetti.

Adriana Ruggeri