Bastoncino anticoncezionale: si mette nel braccio e dura tre anni

Poche le controindicazioni, importanti i vantaggi. Queste in sintesi le caratteristiche del nuovo metodo contraccettivo presentato questa mattina a Roma dalla dottoressa Chiara Benedetto, ordinario di ostetricia e ginecologia e direttore del Dipartimento di discipline ginecologiche e ostetriche dell’Università di Torino.
Si tratta di un bastoncino di piccole dimensione, due millimetri di diametro e quattro centimetri di lunghezza, da inserire a livello sottocutaneo nel braccio della donna. Il metodo, che risulta indicato anche per chi non può sottoporsi a cure a base di estrogeni, ha una novità più che rivoluzionaria: offre una protezione dalle gravidanze indesiderata per ben tre anni. Particolare non da poco se si considera che otto donne su dieci, tra coloro che fanno uso della pillola anticoncezionale, dimentica almeno una volta al mese di assumerla.

Potrà essere rimosso in qualsiasi momento – Queste le dichiarazioni della dottoressa Chiara Benedetto: «Il ginecologo, appositamente istruito ha a disposizione uno speciale applicatore. Il primo atto che compie è inserire il dispositivo sotto la cute, nella parte interna del braccio, in modo che possa essere rilevato dalla donna in qualunque momento. E qui rimane per tre anni. Se in questo periodo la paziente decide di non avere più bisogno di contraccezione, torna dal ginecologo e fa rimuovere l’impianto sottocutaneo con un’anestesia locale, senza lasciare cicatrici. Questo contraccettivo è a base di etonogestrel un metabolita attivo del desogestrel, un progestinico. I vantaggi sono molteplici. Non contiene infatti estrogeni e può quindi essere utilizzato anche da donne che presentano controindicazioni al loro uso».
Le controindicazioni del bastoncino anticoncezionale, invece, riguardano la possibilità che la regolarità del ciclo mestruale possa risentirne: nel 20% dei casi, le pazienti hanno riscontrato amenorrea, mentre vi è anche chi ha notato un flusso più abbondante e prolungato nel tempo.

Simone Olivelli