Lo specchio, secondo album di Francesca Romana con Pacifico e De André

Esce il secondo album della cantautrice salentina (Vincitrice del premio De Andrè  e di due premi Musicultura), che vanta le collaborazioni di Cristiano De Andrè e di Pacifico.

L’album contiene 11 tracce originali, distribuito Edel; conterrà il brano “Storia clandestina”, vincitore del PREMIO DE ANDRE’ 2009. “Il tuo nome e il veleno”, brano con cui Francesca è tra i vincitori del Festival MUSICULTURA 2010. “ Io e Biancaneve” , brano con cui la cantautrice ha vinto il premio Miglior Personalità Artistica al Premio POGGIO BUSTONE, dedicato a L.Battisti. Il nuovo album “riflette”  il tema della femminilità già iniziato con “Vermiglio”, album precedente. Lo specchio è infatti uno degli emblemi più magici e caratteristici della donna. Esso è simbolo di vanità e, nell’immaginario collettivo, della ricerca d’identità e del proprio alter ego. Lo specchio è il mezzo attraverso il quale ci si “vede” per ciò che si è, ci si guarda dentro  senza filtri.  Il tema dello specchio, quindi, ricorre nei brani di questo nuovo progetto discografico, sotto varie “vesti”. Ci si ritrova in un mondo di figure femminili dalle storie più o meno conosciute, come quella di Biancaneve, ( “Io e Biancaneve” sarà  uno dei brani di punta estratti dall’album), o di “Giovanna la pazza”,  ritratti di signora  che dipingono personaggi femminili intriganti e inusuali; e quando le canzoni non raccontano una storia precisa, sono comunque evocatrici di emozioni profonde e delicate, tipicamente femminili, come “L’estranea” ( forse il brano più emblematico dell’album) e “Il tuo nome e il veleno”. Lo specchio non mente, così come accade nel brano de “ Il demone”,  ( una parte del testo è di C. De Andrè), in cui il lato oscuro che è dentro di noi  emerge senza veli insieme al nostro aspetto più poetico, come una luna che mostra anche la sua faccia oscura.

La donna-strega, la luna, i colori, i veleni, lo specchio-magico, lo specchio-vanità, lo specchio-verità, il sacro ed il profano, sono già presenti nell’album precedente “Vermiglio” e ritornano ne “Lo specchio”, album in cui la musica e le parole della rockeuse  s’incontrano e s’incrociano dando vita a canzoni di vario genere. Potrete incontrare, quindi, una Biancaneve inedita che specchiandosi vede il suo alter ego, Eva! Oppure  una Maria Maddalena innamorata o ancora una piccola regina rinchiusa in una torre, accusata ingiustamente di pazzia ( Giovanna la pazza) etc…. Questi brani sono volti a sostenere l’impegno sociale, da tempo intrapreso dall’autrice, nei confronti delle donne sfruttate o incomprese e delle loro storie spesso dimenticate: la canzone d’autore, come elemento di cultura e non solo come mero intrattenimento, bussa alle porte della nostra coscienza attraverso un incontro musicale trascinante e incantato.“ Lo specchio”, un viaggio magico e a volte visionario, tra le emozioni e gli aspetti più misteriosi del nostro essere umani, “ …voglio vedere me stessa, tutte le volte che mi guardo riflessa dalla parte opposta, come se ci fosse un’altra risposta” da “L’estranea” e “…il mio volto è uno specchio, l’inganno, la mela, io prima ero bianca, ora son Eva! ”, da “Biancaneve”.

Duetta con Cristiano De Andrè durante il Tour “De Andrè canta De Andrè”. (Con C. De Andrè inizia una collaborazione che porta alla nascita di un brano scritto a quattro mani “ IL DEMONE”, incluso nel nuovo album, “Lo Specchio”.) Nel 2010, Francesca è al PREMIO POGGIOBUSTONE, dedicato a L. Battisti, dove vince il Premio MIGLIOR PERSONALITà ARTISTICA, consegnato l’anno precedente a Nicola Arigliano. Giugno 2010, vincitrice per la seconda volta del Festival MUSICULTURA con il brano “IL TUO NOME E IL VELENO”, trasmesso in diretta live su Rai UNO e presentato da F. Frizzi. Attualmente è in uscita il nuovo album, “LO SPECCHIO” in cui, oltre a De Andrè, vi è la collaborazione di Pacifico.