Alfano: “Berlusconi in carica ancora molto lungo”

E nelle file del Pdl si apre il “totodelfino”: dopo le parole di Berlusconi riportate dalla stampa straniera, ovvero sull’intenzione di lasciare per il 2013 e appoggiare la candidatura di Letta al Quirinale e Alfano a palazzo Chigi, la politica italiana, e soprattutto il centrodestra, sembrano squassati dagli scenari post-cavaliere. Come fossero qua da venire.

Intanto l’uomo del giorno, il ministro Alfano, incassa la fiducia del premier e fa il timido sulle belle parole ricevute. “Io sono convinto che il presente di Berlusconi sarà ancora molto lungo e che ogni discussione che riguardi il futuro è assolutamente prematura”, ha spiegato da Berlino, dove peraltro è stato contestato.

Una discussione “prematura“, dunque, “non fosse altro per il motivo evidente che in tutte le democrazie occidentali il presente e il futuro dei leader lo stabiliscono gli elettori e mi pare che gli elettori abbiano suggellato ancora una volta in quest’ultimo triennio il loro favore nei confronti del presidente del Consiglio il quale peraltro ha una maggioranza solida in Parlamento“, ha concluso.

Intanto anche la Lega pare abbia storto il naso, per quanto riguarda le origini “geografiche” del presunto delfino. Secondo Bersani, invece, “certamente si sta allenando bene. Anche per i prossimi anni mangeremo pane, processi e Berlusconi”.

v.m.