Catherine Zeta-Jones malata

 

Disturbo bipolare – brutta notizia in casa Douglas-Jones. Un’altra. Dopo lo shok, che ha colpito il cinema hollywoodiano, dopo aver saputo del cancro alla gola, che Michael Douglas di recente ha affrontato, oggi un’altra butta notizia, che però riguarda la moglie. Catherine Zeta-Jones ha il disturbo bipolare. E’ una malattia mentale molto seria, che prende moltissime persone, oltre sei milioni. In origine era definita ‘psicosi maniaco-depressiva’ e consiste nell’alternarsi di stati estrema esaltazione o aggressività a stati di profonda depressione. Esistono tre livelli di questo disturbo. La causa principale è lo stress. L’attrice gallese diciamo che ne ha abbastanza.

 Dopo aver dovuto aiutare Douglas a sconfiggere il cancro, si è occupata anche dalla condanna al carcere del figliastro Cameron. A breve dovrebbe recitare al nuovo film di Gabriele Muccino, ‘Playing the Field’, e per questo ha preferito rivolgersi a una clinica per la salute mentale, per il ricovero a breve termine, specializzata per curare e trattare seriamente la malattia.

 Il suo portavoce ha dichiarato: “Dopo aver gestito lo stress dell’anno passato, Catherine ha deciso di ricoverarsi in una clinica psichiatrica per una breve permanenza che le consenta di curare il proprio disordine Bipolare di tipo 2. Si sente bene e non vede l’ora di cominciare a lavorare sui suoi due nuovi film questa settimana”. Mentre un suo caro amico, che la sostiene tantissimo ha lasciato detto: “Dopo lo stress dello scorso anno, Catherine ha preso la decisione di verificare il suo stato di salute in vista del lavoro che deve iniziare questa settimana sue due film. Non c’è dubbio che per Catherine l’ultimo anno sia stato molto stressante, ha dovuto affrontare la malattia di Michael ed è stato difficile. Ma il ricevero dei giorni scorsi è dovuto solo al fatto che sta per iniziare a lavorare e voleva assicurarsi di essere al top della forma”. Il ricovero è durato cinque giorni e pare che per il momento tutto procede bene. Come dire? ‘in salute e in malattia’.

Tiziana Di Cicco