F1, Cina: Vettel primo nelle libere tallonato dalle Mclaren. Ferrari indietro

F1, prove libere –Incomincia ufficialmente il week-end del Gp della Cina , confermando sin da subito quanto visto una settimana fa in Malesia. Nelle libere la prima posizione và a Sebastian Vettel, sempre in grado di comandare il gruppo ed abbassare progressivamente i tempi sino ad un ottimo 1’37″688. La velocità vi è tutta quindi, ma forse non si riuscirà a creare il dominio visto nelle ultime due gare dato che il duo Mclaren è sempre più vicino e minaccioso. Hamilton e Button terminano rispettivamente in seconda e terza posizione, staccati da poco più di un decimo e perfettamente consci di poter tenere il passo della Red Bull. Vincere anche qui è possibile per i campioni del mondo in carica, ma il distacco pare sempre più ridursi ed affievolirsi. Male invece Mark Webber, decimo ad oltre un secondo dal tedesco ed ormai sempre più confermato nel ruolo di secondo guida.

Ferrari indietro – I nomi dei protagonisti sono sempre li stessi, così come quelli delle grandi delusioni. La Ferrari, nonostante qualche piccolo accorgimento ed una nuova ala anteriore, è ancora costretta a guardare i suoi avversari da lontano, alle prese con un carico aerodinamico che pare crearsi solo in galleria del vento e mai sulla pista. Felipe Massa agguanto un sesto posto a quasi un secondo dalla vetta, peggio fa Fernando Alonso, quattordicesimo e costretto a saltare quasi tutta la sessione di prove per colpa di un guasto di natura idraulica. Lo spagnolo è riuscito solo negli ultimi minuti a segnare tempi cronometrati, ma ormai il danno è fatto e tutto il lavoro di messa a punto bisognerà farlo domani a qualifiche iniziate. Periodo davvero nero quindi per gli uomini di Maranello, presi di mira da stampa e da tifosi adirati, colpevoli di non aver rispettato le promesse fatte all’inizio del 2011 ed addirittura ancora più in crisi rispetto ad un anno fa. Il cambiamento è quanto mai obbligato e vitale.

Bene Mercedes – Tornano i sorrisi invece in Mercedes, inaspettatamente veloce sin da subito ed in grado di portare la sua coppia di piloti nelle posizioni che contano. Rosberg è quarto dietro appunto al duo inglese, seguito a sua volta dal sette volte campione del mondo Schumacher. Se si riuscirà a concretizzare anche in qualifica, forse la nuova monoposto di Ross Brawn può regalare degne soddisfazioni al box tedesco. Da segnare i due incidenti di Heidfeld nei due turni di prove e la disfatta della Virgin, alle prese con una monoposto assolutamente non in grado di tenere il passo neanche dell’HRT, frutto di una disegno e progettazione nato e cresciuto davvero male. Domani mattina è prevista già la delicata sessione di qualifica e lì avremo le prime conferme e colpi di scena. L’atmosfera è tesa, i duelli sono pronti a cominciare. Ma solo il più forte avrà l’onore della gloria.

Riccardo Cangini