Caiomercato Milan: si profila uno scambio Ibra-Dzeko

Calciomercato MilanManchestere City-Milan pista calda, anzi bollente. Balotelli al Milan? No, non è il solito tormentone, o meglio, il copione è lo stesso ma cambiano i protagonisti. In principio era infatti il giovane attaccante italiano ex Inter a volere il Milan, desiderava giocare al fianco di Ibra e lo svedese ricambiava timidamente le parole d’amore dell’ex compagno ai tempi nerazzurri. Ibrahimovic-Balotelli, per la prossima stagione lo spettacolo è assicurato. Sembra una favola, un sogno. Ma non ci siamo forse dimenticati qualcuno? Già, Pato. Il brasiliano piano piano, a suon di goal ha rubato la scena al n.11 rossonero che nelle ultime apparizioni è sembrato tutt’altro giocatore rispetto a quello di inizio stagione, un po’ sciupone e troppo nervoso. Ci risiamo, Ibra ripesca l’amato copione e recita di nuovo quegli atroci mal di pancia, gli stessi degli ultimi tempi in casa Moratti e gli stessi del Barça. Il sogno si è così trasformato in un incubo.

Ibrahimovich per Dzeko– Ibrahimovic sembra infatti già ai ferri corti col Milan. Nonostante le smentite del calciatore, pare esserci parecchia turbolenza sulla tratta Milano-Manchester: pronto maxi scambio Ibra-Dzeko. Se c’è infatti un club al mondo in cui lo svedese ancora non ha giocato e capace di pagargli lo stipendio quello è sicuramente il ricchissimo Manchester City dello sceicco Bin Zayed. Il club di via Turati porterebbe così nella propria rosa Edin Dzeko, già corteggiatissimo ai tempi della Bundesliga quando indossava la maglia del Wolfsburg. Il calciatore bosniaco dalla sua lascerebbe volentieri la Premier, dove non è riuscito ancora ad ambientarsi e giungerebbe alla corte di Silvio Berlusconi, per realizzare il sogno di una vita: giocare appunto nel Milan. Ibrahimovic, dal canto suo, ritroverebbe poi Mancini. Per l’allenatore del City e l’attaccante rossonero galeotta fu l’esperienza all’Inter e da quel momento tra i due c’è stima reciproca. Tutti contenti dunque? Chissà se Balotelli sarà ancora felice di giocare con Ibra.

Andrea Monda