SBK, Olanda: Checa ancora da Pole. Biaggi sesto e Melandri ottavo

SBK, pole Olanda – Il campionato Superbike targato 2011 continua sotto il segno di Carlos Checa e della sua Ducati 1198. Ad Assen l’esperto pilota spagnolo è riuscito a conquistare la tua terza pole su tre gare, confermando in pieno le voci che lo vedono ormai pienamente in di sognare davvero in grande. Nonostante un ventennio passato a correre in tutto il mondo e nelle più importanti classi del motociclismo, solo adesso Carlos ha la serie opportunità di giocarsi il titolo grazie ad un team Althea costruito secondo le sue richieste ed esigenze. Una pole arrivata con intelligenza e perfetta gestione della scelta gomme dopo le difficoltà trovate nelle libere, fattori che danno ancora più onore al lavoro di tutti gli uomini di Borgo Panigale.

Melandri caduto – Oltre però al bravissimo Checa bisogna rendere onore anche all’altro ducatista Jakub Smrz, vero maestro nei giri veloci ed addirittura secondo proprio in questo circuito celeberrimo per la sua storia e difficoltà. Domani sarà fondamentale partire bene e consolidare quanto di buono visto nel sabato, regalando altri sorrisi al preparato Team Effenbert-Liberty. Terzo a sorpresa il debuttante Eugene Laverty, in grado proprio negli ultimi minuti di stampare un velocissimo crono ed agguantare la prima fila, mentre il compagno Melandri durante il suo giro veloce si è reso protagonista di una brutta caduta, rovinando in un attimo tutto il lavoro fatto e costringendolo all’ottava casella, preceduto dal costante Sykes, settimo sulla Kawasaki.

Griglia di partenza – Rimanendo sul tema degli italiani, Max Biaggi non riesce neanche quest’anno ad essere davvero veloce in questo appuntamento, rallentato dalle soggettive difficoltà della sua RSV4 ed alla fine sesto, dando l’onore al giapponese Noriyuki Haga di essere la prima Aprilia dello schieramento con un buon quarto tempo, perfetta base ove costruire finalmente un week-end all’altezza del suo nome e fama. Problemi invece per Fabrizio tredicesimo, penalizzato causa incomprensioni di traiettoria con il giovane Badovini, e per la BMW nuovamente lontana dalle posizioni che contano. Le due gare si prevedono ovviamente intense e piene di duelli che renderanno il risultato incerto sino all’ultimo giro. In attesa che i motori si riaccendano ecco la griglia di partenza:1)Carlos Checa 2)Jakub Smrz 3)Eugene Laverty 4)Noriyuki Haga 5)Jonathan Rea 6)Max Biaggi 7)Tom Sykes 8)Marco Melandri 9)Leon Camier 10)Troy Corser 11)Joan Lascorz 12)Leon Haslam 13)Michel Fabrizio 14)Ruben Xaus 15)Sylvain Guintoli 16)Ayrton Badovini 17)Maxime Berger 18)Chris Vermeulen 19)Barry Veneman 20)Roberto Rolfo 21)Mark Aitchison

Riccardo Cangini