Pagelle Milan-Sampdoria: è un Cassano show

Pagelle Milan-Sampdoria – È un Cassano show, e lo era quando eravamo soliti riportare le pagelle della Sampdoria, ma stavolta Cassano gioca dall’altro lato e se ne bea, giustamente. La vittoria del Milan è prorompente e impeccabile, possente e solenne. Andati in goal con Seedorf su punizione, favorito anche da un errore di Curci, la squadra si è appoggiata interamente sulla classe del neo papà Cassano, che con assist e goal ha confezionato il risultato finale della gara che sancisce l’uscita dell’Inter, sconfitta al Tardini per 2 a 0, dalla corsa scudetto.

Milan – Cassano 8: Gioca mezza partita subentrando a Pato e nel secondo tempo confeziona un assist per Robinho, che l’attaccante sbaglia, trasforma impeccabilmente un calcio di rigore e imbecca di nuovo Robinho per il 3 a 0. Abbiati s.v. (Amelia 6); Abate 6, Yepes 6,5, Thiago Silva 6,5, Zambrotta 6; Van Bommel 6 (Pirlo s.v.), Gattuso 6,5, Seedorf 7; Boateng 6; Pato 6, Robinho 6: segna, ma sbaglia troppo sotto porta, come in ogni sua gara. Allegri 6,5: fa di necessità virtù inserendo Cassano in campo e cambiando ritmo alla gara.

Sampdoria – Curci 5,5: Parte in ritardo sul tiro di Seedorf, si fa scavalcare banalmente da Cassano in occasione del 3 a 0. Fortunato sul tiro dello stesso Cassano nel finale di gara. Martinez 6,5 (Zauri s.v.), Gastaldello 6, Volta 6; Dessena 5, Koman 5,5, Palombo 6, Tissone 5,5, Laczko 5; Pozzi 5,5, Maccarone 5: se questo è l’attaccante che doveva sostituire Pazzini ci sono state valutazioni fuori luogo. Impalpabile e assente: da quando è arrivato a gennaio ha segnato una sola volta e per un attaccante non è possibile. Cavasin 4: Fuori Ziegler, Guberti e Poli, tre perni della miglior Sampdoria, per Laczko, Tissone e Koman, giocatori privi di qualsivoglia spessore tecnico e atletico a questo punto della stagione. Ingiustamente si accusava Di Carlo.

Mario Petillo