‘Ndrangheta, colpita cosca Lo Giudice: 12 arresti

Associazione per delinquere. Sono 12 le persone arrestate questa mattina dalla Squadra mobile di Reggio Calabria nell’ambito di un’operazione che mira a colpire duramente alcune cosche della ‘ndrangheta. I 12 fermati, nello specifico, sono accusati di essere affiliati al clan dei Lo Giudice, clan ritenuto tra i possibili responsabili degli attentati contro la magistratura di Reggio compiuti l’anno scorso. La Squadra mobile rende noto che per tutti gli arrestati valgono le accuse di associazione per delinquere di stampo mafioso, detenzioni di armi (anche da guerra), intestazione fittizia di beni e rapina. Gli arresti sono stati effettuati su richiesta della Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria.

Collaborazioni fondamentali. Sono state le testimonianze di tre collaboratori di giustizia facenti parte del clan (Maurizio Lo Giudice, Roberto Moio e Consolato Villani) e quelle del capoclan Antonino Lo Giudice a rendere più precise le indagini. In particolare la collaborazione di Antonino Lo Giudice, che attualmente si trova in carcere, ha permesso di risalire ai nomi dei possibili responsabili degli attentati compiuti l’anno scorso contro i magistrati di Reggio Calabria. Gli arresti eseguiti oggi arrivano dopo quelli effettuati la settimana scorsa, quando sono finiti in manette altri 4 presunti membri della cosca Lo Giudice ritenuti, anch’essi, tra gli autori di passati attentati.

Gianluca Bartalucci