Coppa Italia, Milan-Palermo 2-2: i rosanero sfiorano l’impresa a San Siro

Milan-Palermo 2-2. E’ finita in parità la semifinale d’andata della Coppa Italia 2010/2011, giocata ieri sera da Milan e Palermo. Allo stadio San Siro le formazioni di Allegri e Rossi hanno regalato un bel 2 a 2 ai pochi spettatori presenti sugli spalti, che ha visto le reti di Ibrahimovic (3′), Pastore (13′), Hernandez (52′) ed Emanuelson (75′). La squadra che andrà alla finale del 29 maggio prossimo si deciderà nella sfida in programma tra 20 giorni, che andrà in scena allo stadio Renzo Barbera. Gara alla quale guarda già Delio Rossi, che ieri ha applaudito la prestazione dei suoi giocatori, ai quali ha però mosso anche qualche critica per i soliti errori difensivi. Massimiliano Allegri ha invece invitato i suoi a pensare alla corsa per lo scudetto, e di concentrarsi poi sulla gara di ritorno contro i rosanero, dove i rossoneri proveranno a conquistare il pass per la finale.

Pastore risponde ad Ibra – Il match di ieri sera ha visto un avvio scoppiettante. Al 3° minuto il Milan si è infatti portato in vantaggio, grazie alla rete segnata da Ibrahimovic su assist di Oddo. Il Palermo ha reagito subito con Pinilla, ed al 13′ ha pareggiato grazie all’uno-due tra l’attaccante cileno e Javier Pastore, che ha permesso al giocatore argentino di segnare il gol dell’1 a 1. La rete del Palermo ha scosso il Milan, che ha cercato un ispirato Ibra per riportarsi in vantaggio. I rosanero hanno invece provato l’affondo con delle velleitarie conclusioni dalla distanza di Pinilla ed Hernandez. La gara si è comunque riaccesa nei minuti finali del primo tempo, quando Flamini ed Ibra hanno impegnato Sirigu con due conclusioni insidiose, ma soprattutto quando Pastore ha incantato San Siro con un superbo slalom e tiro a seguire, che Amelia è riuscito a mettere in angolo.

Emanuelson salva i rossoneri – Nella ripresa i ritmi di gioco sono stati più lenti. Ci hanno pensato Antonini ed Ibra a ravvivarli al 50′, ma la vera scossa al match l’ha data Hernandez al 52′, quando è riuscito a battere Amelia ed a portare il Palermo sul 2 a 1. Allegri ha così deciso di mettere fuori Cassano e Seedorf per dare spazio a Robinho ed Emanuelson. La sua mossa si è rivelata azzeccata al 75′, quando l’ex-giocatore dell’Ajax ha messo a segno il gol del 2 a 2. Il Palermo ha provato a riportarsi in vantaggio al 78′ ed all’82’ con Pastore ed Ilicic, ma ha poi ringraziato Sirigu e la buona sorte per non essere capitolato all’85’ sul tiro insidioso scagliato da Pirlo dalla distanza. Milan-Palermo è così finita 2 a 2, ed il suo ritorno si preannuncia già come una gara scoppiettante e ricca di sorprese.

Simone Lo Iacono