La voce del tamburo – i battiti dell’universo

Alle ore ventuno del trenta aprile, sarà possibile prendere parte, presso l’Auditorium del Massimo di Roma, allo spettacolo “La voce del tamburo i battiti dell’universo”, diretto da Marcello Sindici. I presenti potranno assistere ad un vero e proprio tripudio di colori, i cui pigmenti vitali ed accesi saranno accompagnati dall’incessante suono dei tamburi, che sembreranno quasi voler trasportare nuovamente i fruitori dello spettacolo in quell’utero materno nel quale non esiste il problema della diversità fra popolazioni ed etnie e l’unica occupazione che si possiede è quella di far sì che la propria essenza si costituisca fino ad essere pronta ad affrontare la luce accecante del mondo che è fuori da quel caldo ventre di madre.

Il messaggio che si trova alla base dello spettacolo “La voce del tamburo” è, sicuramente, quello dell’unione fra popoli, messaggio che, in un momento storico come questo, possiede un’importanza che sfiora l’impellenza. Il ritmo tribale ed ancestrale del tamburo vuole trasportare gli spettatori dell’opera all’interno di una condizione di primordialità e di riflessione. Il significato che il cerimoniale dei tamburi possedeva un tempo e che, in alcuni luoghi, possiede ancora, è quello del passaggio spirituale. Sicuramente non va trascurato l’elemento di sacralità che si cela all’interno di tale strumento, e che è emblematico all’interno dello spettacolo.

Il testo che si avrà modo di ascoltare presso l’Auditorium del Massimo durante l’ultima sera del mese d’aprile, è di Angelo Ruta; la narrazione dello stesso sarà affidata alla voce di Massimo Colonna. Organizzato da Paola Pratesi ed Eliana Romano, lo spettacolo si avvarrà della presenza di figure come Ady Thioune, musicista membro del gruppo Sunu Africa. Altre associazioni o gruppi che meritano di essere menzionati per il proprio contributo a tale opera, sono la Santafe, Tagore Ensemble, Sesto sole e Tammumba. I proventi di “La voce del tamburo” saranno devoluti a favore della Casa Famiglia Bianca Rosa Fanfani della congregazione delle suore piccole operaie del Sacro Cuore. Il costo dello spettacolo è di venti euro.

Martina Cesaretti