Aids: al via la nuova campagna “Positivi nell’anima”

Positivi nell’anima. “Se nascerà sano è anche merito tuo”. Queste parole, poste in un cartellone accanto al Duomo di Milano, danno il via oggi mercoledì 27 aprile alla nuova campagna di sensibilizzazione per i malati di Aids dal nome “Positivi nell’anima”.  Nata per ricordare i 50 anni della missione in Zambia, nata dalla volontà di Papa Paolo VI quando era ancora arcivescovo di Milano, la campagna mira  a fermare la trasmissione dell’AIDS tra madre e figlio.

La campagna. Presentata dal cardinale Dionigi Tettamanzi e a favore del Mtendere Mission Hospital di Chirundu, “Positivi nell’anima” prevede una grande diffusione per arrivare a più gente possibile e fermare la diffusione dell’Aids in Africa. Spot, fotografie e un documentario sull’ospedale sono solo l’inizio della campagna. Distribuzione di cartoline e locandine a parrocchie, cappellanie ospedaliere della Pastorale della salute, case di riposo, istituti di cura, affissioni e gadget con il logo della campagna in vendita in tutte le botteghe del commercio equo solidale della cooperativa Chico Mendes, oltre all’attivazione del numero verde 800 16 82 80 e del sito www.positivinellanima.it per salvare tanti innocenti bambini africani che ogni anno muoiono perché non riescono ad avere una cura per la loro malattia. Il chirurgo Pietro Ugazio, missionario in Africa nell’ospedale Mtendere Mission Hospital di Chirundo, ha dichiarato che bastano soltanto 15-20 euro l’anno per salvare una mamma, cifra davvero irrisoria per noi, ma assolutamente insostenibile per mamme africane. <<Basterebbe rinunciare a un aperitivo – ha dichiarato il cardinale Tettamanzi. Sono confronti che non si fanno mai però rappresentano anche un segno di saggezza perché rinunciando ad una piccola cosa si può aiutare a salvare una vita>>. Una piccola donazione che per gli italiani può sembrare davvero irrisoria ma che per molte mamme africane rappresenta la salvezza.

Daniela Ciranni<!– –>