Bari, sorpresa pasquale: i preservativi nell’uovo di cioccolato

Sorpresa anomala nell’ uovo di cioccolato. Pasqua, si sa, è la festa delle sorprese nelle uova. Certo, regalini che sicuramente fanno felici i più piccoli. E a Casamassima, in provincia di Bari, la sorpresa è stata doppia: un bambino di sei anni ha trovato due preservativi nell’ uovo di Pasqua della Lindt. Il bimbo ha scartato l’ uovo regalatogli dai nonni e ha trovato una scatoletta contenente ben due preservativi. Incuriosito, il piccolo ha chiesto ai genitori di cosa si trattasse; al che la mamma ha prontamente tolto dalle mani del bimbo la “sorpresa” inaspettata e l’ ha distratto con la scusa di aprire le altre uova con regali sicuramente più interessanti e più adatti a un bambino di quell’ età dei preservativi.

Parla l’ ufficio consumatori della Lindt. L’ ufficio consumatori della Lindt, interpellata dall’ ANSA, al quale è stato segnalato l’episodio ha assicurato: “Sicuramente si tratta di una manomissione”. La bizzarra vicenda è accaduta in un’ abitazione di Casamassima (Bari) il giorno di Pasqua ed è stata riferita dalla mamma del bambino, Milva Coretti, di 43 anni, che da Roma, dove abita, insieme con il marito e il figlio ha trascorso le vacanze di Pasqua a casa dei suoceri, in Puglia. L’ uovo era stato acquistato dai nonni del piccolo in un supermercato di Casamassima. “L’uovo – hanno fatto sapere dalla casa produttrice – è stato sicuramente manomesso in un momento successivo, anche perchè i profilattici erano in un contenitore che noi non utilizziamo: tutte le nostre sorprese sono custodite in un barattolo blu sigillato”.

Il commento della mamma. Ad ogni modo, la Lindt, per scusarsi dell’ inconveniente, sebbene non sia legato a errori della casa di produzione, ha deciso di inviare alla famiglia altre uova di Pasqua. La mamma del bimbo di sei anni non ricorda se la confezione dell’ uovo fosse integra o meno; la donna ha commentato l’ episodio con queste parole: “Fosse stato il primo aprile avrei capito, ma fare uno scherzo simile a Pasqua è davvero inconcepibile. E poi è risaputo che le uova di cioccolato sono destinate ai bambini… uno scherzo davvero stupido”.

Angela Liuzzi