F1, Team Lotus compra la Caterham e rafforza la sua posizione

F1, novità Team Lotus – Che il magnate Tony Fernandes sia una persona con fiuto per gli affari lo si era capito già da un po’. Fondatore della famosa compagnia aerea AirAsia, uomo chiave nel ritorno del brand “Lotus” in F1 e adesso proprietario di un team che rafforza ancora di più le già solide basi. Il Team Lotus infatti ha ufficializzato l’acquisizione della Caterham, costrutto britannico di vetture sportive che utilizzano come base la Lotus Seven. Una mossa azzeccata visto che si rimane sempre nell’orbita del mondo firmato Chapman ritrovando un collegamento con una realtà motoristica, senza però intaccare i rivali, in pista e fuori, della Lotus Car.

Guerra per il nome – E’ da questo inverno che il Team Lotus (ovvero Fernandes) e la Lotus Car (l’azienda che produce le mitiche automobili stradali) sono impegnate in una battaglia legale per l’utilizzo del marchio, creando la strana situazione di avere due team diversi ma con lo stesso identico nome. L’imprenditore malese ha voluto comprare di tasca propria il permesso per utilizzare i celebre logo,andando contro l’interesse della casa automobilistica che si è affrettata a rescindere il contratto e creare una nuova collaborazione con la Renault. Ma mentre si aspetta il giudizio del tribunale, Fernandes non ha voluto correre rischi ricreando una interessante partnership che potrebbe rilevarsi fondamentale.

Unire, non cambiare – La paura di perdere il confronto è forte, visto che oltre alla azienda contro di lui si è schierata anche la stessa famiglia Chapman. Se le cose andranno male potrà sempre utilizzare il logo Caterham (proprio come in Gp2), sicuramente più affascinate e celebre dell’1Malaysia F1 Team usato dai suoi connazionali malesi. Il sogno del cassetto resta però un’altro: “Lo scenario ideale sarebbe il matrimonio dei due nomi con uno che li comprenda entrambi” afferma lo stesso Tony ad Autosport. Tutto però dipenderà sempre da quella sentenza del tribunale che dovrà fare chiarezza su questa spinosa questione. I fan vorrebbero tifare una ed una sola realtà Lotus, ma il mondo del business ha regole proprie. Armiamoci di pazienza.

Riccardo Cangini