Miguel Bosè, papà grazie a un utero in affitto

Miguel Bosè papà – Il cantante spagnolo di 55 anni Miguel Bosè ha avuto due gemelli da madre in affitto. Diego e Tadeo, così si chiamano i due piccoli, hanno ora un mese. Il cantante ha dichiarato a El Mundo online attraverso il suo agente di essere ricorso alla tenica di procreazione assistita, in cui una donna dietro pagamento presta i suoi ovuli e il suo utero per il concepimento negli Usa, dove la pratica è consentita.

Raggiante, il neo-papà ha così commentato il lieto evento attraverso i più celebri social network: “ho una bellissima notizia da dare, sono padre di due bellissimi gemelli che hanno compiuto un mese. Si chiamano Diego e Tadeo. Stiamo già a casa e stiamo bene. Sono l’uomo più felice della Terra. Un abbraccio forte e a presto. Miguel“. Secondo Mercedes Mila, giornalista di “Telecinco”, il cantante aveva espresso da tempo il desiderio di paternità decidendo di ricorrere a un utero in affitto, come suggerito dal suo amico Ricky Martin.

Miguel Bosè è figlio di Lucia Bosè e del torero spagnolo Luis Miguel Dominguin. Celeberrimo in Spagna, Bosè ha un’ ottima fama anche in Italia, dove ha esordito nel 1978 con il suo singolo “Anna”. In Italia, all’apice del successo, ha vinto per tre volte il Festivalbar, la tradizionale kermesse musicale estiva, l’ultima nel 1994 con il brano “Se tu non torni”. In tutta la sua carriera ha inciso una ventina di dischi vendendone più di 10 milioni in tutto il mondo. Brillante anche come attore, ha recitato in 35 film, partecipato a diversi spettacoli televisivi, e presentato anche il festival di Sanremo nel 1988. Un artista completo, da un mese a questa parte anche “uomo più felice del mondo”.

Rosario Amico