Katie Holmes: niente dipendenza da droghe, “Star” chiede scusa

Causa milionaria“Katie drug shocker”: così aveva titolato a gennaio il magazine britannico Star, alludendo ad un uso di droghe da parte dell’attrice e accompagnando il titolo sensazionalista con una foto di Katie Holmes in versione alquanto “sfatta”. La reazione, ovviamente, non si era fatta attendere: lo scorso marzo la signora Cruise e consorte avevano intentato causa per diffamazione all’American Media Inc., proprietaria della rivista, per la modica cifra di 50 milioni di dollari. Motivo piuttosto robusto per convincere Star a fare harakiri e tornare sui propri passi, scusandosi per il titolo a dir poco avventato.

In un trafiletto intitolato “Scuse a Katie Holmes”, su cui campeggia una foto dell’attrice a dir poco raggiante, Star ha fatto ossequiosamente marcia indietro: “In un recente numero di Star abbiamo pubblicato un titolo riguardante Katie Holmes che poteva essere letto come un’insinuazione su un suo eventuale uso di droghe – leggiamo sulla rivista – . Star non voleva insinuare che la signora Holmes fosse una tossicodipendente o che fosse in cura per una dipendenza. Star chiede scusa alla signora Holmes per qualsiasi errata interpretazione e farà una sostanziosa donazione in beneficenza a nome della signora Holmes per qualsiasi danno possiamo aver causato”. La donazione in merito, c’è da scommetterci, sarà sicuramente inferiore a 50 milioni di dollari.

In effetti, l’articolo collegato al tanto recriminato titolo parlava di tutto fuorché di una dipendenza della Holmes da droghe di qualsivoglia tipo, ma l’attrice aveva denunciato l’uso “malizioso” di alcuni termini sulla cover. In realtà ciò che sosteneva l’articolo era che la Holmes è affetta sì da dipendenza, ma da Scientology, la discussa organizzazione fondata dallo scrittore L. Ron Hubbard (più volte accusata di lavaggio del cervello ai danni dei suoi adepti) e di cui Tom Cruise è uno degli esponenti di maggior spicco. Tant’è che Star ha paventato che sia proprio questo il motivo per cui l’ex-attrice di Dawson’s Creek non riuscirebbe a lasciare il Top Gun più famoso d’America.

Roberto Del Bove