MotoGP, Rossi cerca feeling. Stoner la vittoria

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:37

MotoGP, Rossi e Stoner – Anche se l’ultima gara è stata vinta da Jorge Lorenzo e domenica si correrà ad Estoril, il suo circuito preferito, gli occhi e l’attenzione del mondo intero sono ancora riservati ai due piloti presenti nella foto. Il fattaccio di Valentino Rossi che, causa un suo errore, ha trascinato per terra anche Stoner non è stato dimenticato e nel paddock la tensione rimane sempre alta. Il mese di pausa è stato fondamentale per placare inutili rimorsi e placare i nervi di tutti, ma è inutile nascondere che il terzo appuntamento mondiale sarà visto come la perfetta occasione ove cancellare quanto è avvenuto in Spagna, sopratutto per il pilota numero ventisette.

Stoner vuole vincere – Con le sue incredibili potenzialità ed una Honda davvero formidabile le carte per vincere il secondo mondiale vi sono davvero tutte. L’importante quindi è quello di non perdere troppo terreno, soprattutto nei confronti di Lorenzo saldamente in prima posizione generale: “ Non vedo l’ora di scendere in pista dopo quanto successo a Jerez. Cercheremo di recuperare qualche punto su Lorenzo visto che è sempre stato il più forte qui. Penso che la moto possa funzionare abbastanza bene su questo circuito per cui spero di accumulare vantaggio in questi punti ed essere competitivo fin dal primo giorno” L’unica maniera per attuare questo recupero ovviamente è finire davanti a tutti.

Rossi e Ducati – Discorso totalmente opposto invece per il campione di Tavullia. Il rapporto con la Ducati è ancora burrascoso ed irto di insidie, quindi per prima cosa bisogna trovare una buona alchimia e solo dopo pensare alle prestazioni: “Continueremo a lavorare sul set up della GP11, in particolare nella giornata di test di lunedì. Spero di trovare il sole per poter sfruttare al massimo il tempo in pista. Abbiamo bisogno di capire sempre meglio la moto e di lavorare sullo sviluppo con l’obiettivo di essere più veloci sull’asciutto per la fase più intensa della stagione che inizierà a giugno, quando avremo sei gare in otto settimane” Due obbiettivi diversi, ma le sorprese sono comunque dietro l’angolo. Sopratutto se per domenica è prevista pioggia.

Riccardo Cangini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!