Palermo, Pastore si toglie dal mercato: “Io alla Roma? No, resto qui”

Palermo, dichiarazioni Pastore. La seconda stagione in Serie A di Javier Pastore sta per concludersi. L’annata 2010/2011 è stata ricca di grandi gioie e di successi personali per il Flaco (record di reti stagionali, premio Aic come miglior giovane della Serie A, ndr) ma anche di alcuni momenti non proprio esaltanti, che hanno messo in discussione la sua permanenza a Palermo: nei giorni passati si era parlato infatti di un forte interessamento della Roma di DiBenedetto per Pastore. Il giovane talento argentino ha voluto approfittare di una conferenza stampa tenutasi a Palermo per stoppare tutte queste voci, ed ha inoltre sfruttato l’occasione per parlare del finale di stagione dei rosanero.

“Penso solo al Palermo” – Nel corso dell’incontro con i giornalisti Javier Pastore ha espresso in maniera categorica il suo pensiero su un probabile addio al Palermo a giugno: “Ho detto e ripeto che oggi, adesso, non penso a dove devo andare. Io ripeto che preferisco terminare il campionato e, in base a quello che abbiamo detto col presidente, io rimarrò sicuramente a Palermo“. Il Flaco ha poi parlato del suo rapporto con Rossi e delle voci che lo volevano vicino alla Roma: “Rossi è un grande, ma noi due siamo professionisti. Ognuno fa il proprio lavoro e le proprie scelte. La Roma? Solo voci alle quali non penso affatto“.

“Dobbiamo fare bene nelle prossime gare” – Il giovane talento argentino ha poi parlato del finale di stagione che attende il Palermo. “Dobbiamo dare il massimo in ogni incontro per raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissi– ha dichiarato il FlacoNoi tutti speriamo che le sfide da affrontare siano sei e non cinque, perché significherebbe essere arrivati in finale di Coppa Italia. Abbiamo molte possibilità di superare il turno: a Milano abbiamo offerto un’ottima prestazione, al Barbera sono convinto che i tifosi saranno al nostro fianco verso il raggiungimento di un grande sogno. Abbiamo però un’altra strada verso la qualificazione all’Europa League, quel settimo posto che possiamo centrare benissimo“.

Simone Lo Iacono