Jovanotti contro Happy Days

 

Jova vs fan – sull’ultimo numero del settimanale ‘Tv Sorrisi e Canzoni’ Lorenzo Cherubini, in arte Jovanotti, ha definito il telefilm, ‘Happy Days’, una vaccata. Sul giornale, diretto da Alfonso Signorini, Jovanotti spiega: “Mia figlia Teresa ha 12 anni, si è letta sette libri di Harry Potter e guarda ‘Glee’. Noi avevamo ‘Happy Days’ che, diciamolo, era una vaccata. Oggi i ragazzi sono svegli e fortunati”.

L”Happy Days Fan Club’, storica associazione internazionale nata nel 1997 attorno al culto del telefilm evergreen non ha fatto tardare la replica per bocca del suo Presidente, Giuseppe Ganelli: Noi del fan club ci permettiamo di dire al Sig Jovanotti che questo suo giudizio è irrispettoso e ingeneroso verso un telefilm, che ha fatto la storia della televisione e che ha rappresentato un momento di svago e di aggregazione per intere generazioni. Il sig Jovanotti dovrebbe ricordare forse che anche lui ha fatto parte di una generazione che idolatrava Arthur Fonzarelli, (negli anni 80 il Sig. Jovanotti ha consegnato a Henry Winkler, l’attore che interpretava Fonzie, il Telegatto di Sorrisi e Canzoni)”. Prosegue poi Ganelli, che ha allertato le migliaia di soci in tutto il mondo via Facebook e Twitter: “Il Sig Jovanotti deve considerare che il telefilm Happy Days non ha mai voluto essere un qualcosa di educativo. Garry Marshall, ideatore del telefilm, ha sempre sostenuto che a scuola c’è l’ora di storia, di geografia, di matematica e poi c’è il momento di ricreazione….ecco Happy days è il momento di ricreazione”.

Inoltre aggiunge: “Forse guardando oggi ‘Happy Days’ ci accorgiamo che è un telefilm non è raffrontabile con i telefilm di oggi, ma tutta la televisione di oggi è diversa dalla televisione degli anni 70-80. Caro Sig. Jovanotti, contestualizziamo le cose!! Considerando il suo campo, la musica, canzoni molto belle degli anni 70-80 paragonate a canzoni belle di oggi, possono sembrare datate perché hanno arrangiamenti tipici dell’epoca, ben diverse dagli arrangiamenti odierni. Concludo quindi dicendogli che lui può rinnegare la televisione, ma non può definire ‘Happy Days’ una vaccata. Nella vita ci vuole anche il momento di ricreazione, come diceva Garry Marshall, specialmente al giorno d’oggi, mi creda Sig Jovanotti!!!”. Insomma, guerra aperta tra l’ombelico del mondo e il pollice di Fonzie.

 Tiziana Di Cicco