Champions League: niente impresa Real, a Wembley ci va il Barça

Champions League – Quest’anno la “Remuntada” avrebbe dovuto subirla ma come l’anno scorso nulla si è concretizzato: il Barcellona pareggia 1-1 con il Real Madrid nella semifinale di ritorno della Champions League e si qualifica per la finale di Wembley. La partita di andata, terminata 0-2 per i catalani, aveva praticamente chiuso il discorso qualificazione: peraltro i blancos erano privi di Sergio Ramos e Pepe (squalificati) e del loro tecnico, Mourinho, fermato dall’Uefa per le dichiarazioni infuocate del post-partita all’andata.
Quella che per i blaugrana (alla terza finale in 5 anni) doveva essere una formalità non si presenta sin dall’inizio come tale: il Real se la gioca e prova ad azzannare il campo ma con pochi risultati. Poi si sveglia il Barça ma Casillas tiene a galla i suoi con tre interventi strepitosi e regala ancora qualche sparanza alle “merengues”. Speranze che si spengono quando Pedro al 9′ della ripresa insacca la palla dell’1-0. E che si riaccendono lievemente quando Marcelo agguanta il pari qualche minuto dopo. Ma finisce 1-1. Con il Camp Nou in festa e  il Real a casa.
E a Wembley, il Barça trovera una tra Manchester Utd e Schalke. Le probabilità di una replica della finale 2009 sono altissime.

Edoardo Cozza