Pagelle Lazio-Juventus: Chiellini insuperabile, Lichtsteiner propositivo

Pagelle Lazio-Juventus – La Juventus continua a sperare nel sogno Champions. Con una prova molto sofferta (come ammetterà lo stesso Del Neri a fine match), i bianconeri si impongono sul campo della Lazio e si portano a -4 dal quarto posto, occupato proprio dalla squadra di Reja. La gara dell’Olimpico di Roma è stata decisa da un gol di Pepe quando al termine della gara mancavano 3′: sfruttando un cross di Salihamidzic, l’esterno bianconero ha freddato Muslera con un diagonale di sinistro. Per i biancocelesti, autori di una buona gara ma poco concreti dalle parti di Buffon, sfuma la possibilità di quello che sarebbe forse stato l’allungo decisivo, ma le possibilità di centrare la quarta piazza restano comunque intatte.

Pagelle LazioLichtsteiner 7: Spinge con grande intensità per tutto l’arco della gara, mettendo in affanno Grosso con le sue accelerazioni. Grazie alla sua costante presenza sulla corsia di destra, la Lazio crea i maggiori pericoli proprio da quella parte grazie ai suoi cross. Sul gol subìto, forse, ha qualche responsabilità, perché toccherebbe a lui prendersi cura di Pepe, ma la prestazione resta comunque assolutamente positiva. Biava 6,5, Dias 6,5, Hernanes 6,5, Muslera 6, Garrido 6, Ledesma 6, Matuzalem 6, Brocchi 6, Zarate 5,5, Floccari 5,5: Parte molto bene, facendo a spallate con i centrali bianconeri e riuscendo spesso a tenere palla per smistarla ai compagni. Lentamente, però, esce fuori dal match: al di là dell’occasione del presunto rigore per fallo di Chiellini, non lo si vede più. Reja (All.) 6.

Pagelle JuventusChiellini 7: al rientro da titolare dopo il recente fastidio muscolare che lo aveva costretto ai box per più di un mese, prende per mano la difesa bianconera e, accompagnato da un ottimo Barzagli, respinge con grande veemenza (qualche volta anche troppa, vedi l’intervento molto dubbio su Floccari in piena area) gli avanti biancocelesti. Se torna su questi livelli, Del Neri fa bene a farlo giocare nuovamente nel ruolo di centrale. Buffon 6,5, Barzagli 6,5, Salihamidzic 6, Melo 6, Pepe 6, Grosso 5,5, Aquilani 5,5, Del Piero 5,5, Motta 5, Matri 5, Krasic 5: A differenza di Chiellini, la qualità di gioco del serbo è da parecchio tempo su livelli molto bassi. In questo 2011 l’ex ala del Cska sembra essersi smarrita. Anche ieri sera è stato poco più di un fantasma: mai un’accelerazione, mai uno spunto dei suoi sulla fascia destra. Del Neri (All.) 6.

Pier Francesco Caracciolo