Francia: leader socialista in Porsche, scoppia la polemica

Socialismo su una Porsche. Le cose spesso non sono come sembrano, anche quando c’è una foto ad immortalare la situazione. Dominique Strauss-Kahn, candidato a sostituire Nikolas Sarkoszy alla guida della Francia nel 2012 e attualmente Direttore del Fondo Monetario Internazionale, si è visto pubblicato sulle pagine di Le Parisien, in una foto che non ha molto giovato  alla sua corsa presidenziale. Lui, il leader socialista, immortalato su una lussuosa Porsche Panamera S, prezzo base oltre 96 mila euro, velocità di punta, 285 km/h. I francesi non hanno per niente gradito ed è scoppiata la polemica.  Strauss-Kahn è inoltre tacciato di far parte della cosiddetta “gauche caviar”, ideologie socialiste abbinate a disponibilità economiche decisamente rilevanti.

Soldi per tutti. Strauss-Kahn, da Stoccarda (sede della Porsche) pare non abbia però comprato niente. La Panamera S sarebbe infatti proprietà di un amico-collaboratore. Ad accompagnare Dsk nella “disavventura” c’era la moglie, Ann Sinclair. In Francia tra l’altro le rilevanti disponibilità economiche dei due non sono certo un mistero e non destano particolari problemi, se non, forse, quando vengono ostentate, o perlomeno quando il popolo pensa che ciò stia accadendo. In ogni caso i transalpini non sembrano più di tanto interessati a quanti soldi abbia un candidato presidente, ma più che altro a quanti quest’ultimo potrebbe portarne nelle tasche di chi così tanti soldi non ha.

Senti chi parla. Si potrebbe tradurre così il pensiero di un altro importante esponente del PS, Pierre Moscovici, accorso in difesa di Strauss-Kahn:  “in vista delle presidenziali- ha detto – bisognerà fare attenzione a ogni immagine”, ma non è certo la destra a “poter dare lezioni in materia” ha poi aggiunto, richiamando come esempio le feste fatte in un lussuoso ristorante Fouquet’s da Sarkozy al momento della sue elezione a presidente della Repubblica, feste a cui seguì una altrettanto esclusiva vacanza sullo yacht di Vincent Bollorè,  milionario pure lui.

A.S.