Volo Rio- Parigi, recuperato il corpo di una delle vittime

Il corpo è stato sottoposto ad un esame del DNA per accertarne l’identità – Ê stato recuperato a largo delle coste del Brasile il corpo di una delle 228 vittime del disastro aereo di due anni fa del volo Rio-Parigi. Un team di francesi è riuscito a recuperare il corpo di un uomo ancora allacciato al sedile dell’aereo dell‘Air France e in buono stato di conservazione. Nei giorni scorsi erano state portate via dal fondo dell’oceano le due scatole nere del velivolo.

L’alta pressione e le basse temperature hanno preservato il corpo dell’uomo rimasto per due anni ad una profondità di 3900 metri. Sono già prelevati dei campioni per permette di accertare l’identità della vittima. Si tratta del primo tentativo di riportare in superficie dei resti umani compiuto dallo stesso team francese che nei giorni scorsi ha lavorato al recupero delle scatole nere. Scatole nere che potranno fornire informazioni importanti sulle dinamiche dell’incidente.

A confermare la notizia è stato il portavoce del quartier generale della polizia nazionale di Parigi: “E’ da ieri che provavamo a portarlo su. Ha richiesto molto tempo”[…..] “E’ difficile perché i corpi sono ben conservati sul fondale dell’oceano per via della pressione e della temperatura, ma portarli in superficie attraverso l’acqua più calda provoca la decomposizione”.  Il ritrovamento ha suscitato una forte reazione tra i famigliari delle vittime. “È un sollievo relativo – ha detto Nelson Marinho, presidente dell’associazione delle vittime brasiliane del volo Air France 447  a Euronews- Il dolore ci accompagnerà per il resto della nostra vita. Tuttavia, c‘è una certa consolazione nel sapere che finalmente queste persone avranno una sepoltura”.

Annastella Palasciano