Marcegaglia al Governo: Non vogliamo aiuti, ma riforme

Non aiuti, ma riforme. “Non siamo interessati a chiedere aiuto al governo. Il nostro è un senso di solitudine dettato dal fatto che sono sempre le riforme che vengono chieste, ma non vengono mai fatte“. Il presidente di Confindustria Emma Marcegaglia, intervenendo in conferenza stampa a chiusura delle assise di Bergamo, si rivolge con queste parole all’esecutivo, chiedendo riforme.

La parte degli industriali e quella del governo. Il numero uno di viale dell’Astronomia si riferisce, in particolare, alla riforma fiscale, alla ricerca, a semplificazione e liberalizzazione. “Poi – assicura la Marcegaglia – vogliamo assumerci maggiori responsabilità a tutela delle imprese ma anche in un’ottica più generale”. Infine, rivolgendosi direttamente al presidente del Consiglio, che chiede agli industriali un maggior impegno per recuperare competitività e per sostenere lo sviluppo del Paese, la donna al vertice di Confindustria replica così: “Pensiamo di farlo tutti i giorni, visto che contribuiamo al 70% alla crescita del Pil”. ”Nonostante la crisi – conclude la Marcegaglia – siamo ancora la quinta potenza nel mondo. La nostra parte la facciamo ma, in un momento così difficile, diciamo anche che siamo disponibili a fare di più”.