Il leone d’oro alla carriera è di Marco Bellocchio

Il Leone d’ oro per la carriera a Marco Bellocchio

Il grande regista italiano Marco Bellocchio ha ricevuto  il Leone d’oro alla carriera nell’ambito della 68esima Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, che si svolgerà dal 31 agosto al 10 settembre 2011.

Le dichiarazioni del regista

Il regista,  instancabile negli ultimi decenni nel ritrarre e narrare la storia contemporanea italiana ha dichiarato “I premi servono, anche quelli che non si ricevono, a corroborare una certa resistenza ad andare avanti. E poi a 71 anni i premi fanno bene”. Ha aggiunto poi: Il problema è continuare a fare dei buoni film. Sono ottimista perché i progetti non mi mancano”.

La motivazione

 La decisione di attribuire il Leone d’oro alla carriera proprio a Marco Bellocchio è stata presa dal Cda della Biennale di Venezia presieduto da Paolo Baratta, su proposta del direttore della Mostra Marco Mueller. Marco Mueller ha scritto : «Seguire il cinema di Marco Bellocchio ti porta, in ogni suo nuovo film, sempre verso altre destinazioni da quelle che ci sembrava di aver raggiunto e scoperto». Quest’ultimo ha descritto così il regista: «Camminatore instancabile, traghettatore di idee, esploratore del confine instabile tra se stesso, il cinema e la storia, ha utilizzato come mappa, per orientarsi, il mondo che comincia oltre i confini della realtà visibile (e nell’inconscio). E ha così trovato i modi di espressione più vitali e ’giusti’, per raccontare l’urgenza di saperi, individuali e collettivi, indeboliti, o svaniti».

Il commento di Giancarlo Galan

Il Ministro per i beni e le attività culturali, Giancarlo Galan ha commentato in una nota:  ‘Sono estremamente felice  per il Leone d’oro alla carriera assegnato dalla Biennale di Venezia al regista Marco Bellocchio, al quale vanno le mie più sincere congratulazioni. Insieme alla Palma d’oro alla carriera del festival del cinema di Cannes al regista Bernardo Bertolucci, questi sono i riconoscimenti che i principali festival internazionali assegnano nel 2011 al fondamentale ruolo del cinema italiano nella storia della cultura cinematografica mondiale”.

Clelia Moscariello