Serie A, Cagliari-Cesena 0-2: con Jimenez e Malonga romagnoli quasi salvi

Cagliari-Cesena 0-2 – Il Cesena “vede” la salvezza. La formazione di Ficcadenti ha saputo rialzarsi dopo la brutta sconfitta interna contro l’Inter e ha saputo conquistare questi tre punti fondamentali che la portano a quota 40 punti: missione salvezza quasi compiuta. Il riscatto del Cesena dopo la sconfitta beffa di settimana scorsa è stato esemplare, ed il Cagliari, specie nel primo tempo, non è stata quella squadra rinunciataria che ci si aspettava.

Quota 40 – Si dice sempre che la salvezza si raggiunge a quota 40 punti. In realtà questo è un calcolo molto approssimativo e può variare di anno in anno. Certo, il Cesena ha messo una seria ipoteca sulla salvezza con i tre punti arrivati oggi pomeriggio al Sant’Elia, ma dovrà tenere alta la soglia dell’attenzione anche nelle ultime due partite. Nel primo tempo il Cesena soffre non poco le avanzate dei cagliaritani che vanno vicini al vantaggio con Agostini, tiro a lato, e Missiroli che fallisce il suo tentativo di pallonetto sull’esperto Antonioli.

Caparbietà – All’inizio della ripresa il Lecce passa in vantaggio contro il Napoli. Appresa la notizia, il Cesena comincia a macinare gioco ed occasioni. Bastano nove minuti all’undici di Ficcadenti per trovare la via del gol: l’assist di Budan è illuminante e libera Jimenez che non può sbagliare solo davanti al portiere.E’ lo 0-1 che spalanca ai romagnoli le porte della permanenza in Serie A. Il Cesena prende ancor più coraggio, mentre il Cagliari cala alla distanza. E’ la volta allora di Malonga che, assistito da Giaccherini ma ancor meglio da una difesa sarda immobile, infila indisturbato la rete dello 0-2. E’ il 40′ minuto del secondo tempo e la partita non avrà più nulla da dire. Il Cesena prende tre punti e continua il suo cammino con maggiore fiducia, il Cagliari si lecca le ferite. Non così profonde, in verità.

Rosario Amico