Coppa Italia, Palermo-Milan 2-1: i rosa vanno in finale dopo 32 anni d’attesa

Palermo-Milan 2-1. E’ finita con l’esplosione di gioia dei 36mila palermitani presenti al Barbera, e con i giocatori della formazione siciliana in festa. Il Palermo ha vinto per 2 a 1 contro il Milan, ed accede alla finale di Coppa Italia, dalla quale mancava dal lontano 1979. Gli eroi della serata sono stati Migliaccio e Bovo, che hanno segnato le reti rosanero al 63′ ed al 75′. Per il Milan è andato in gol Ibrahimovic al 93’. A fine gara è andata in scena la festa palermitana, alla quale ha partecipato un emozionatissimo Delio Rossi. Delio Rossi che ha così salutato la storica qualificazione alla finale di Coppa Italia: “Questa squadra si è sacrificata tanto, ha lottato molto e mi ha seguito. Se un allenatore non ha un gruppo di ragazzi che lo segue, non ottiene certi risultati. Ora festeggiamo fino a mezzanotte, poi inizieremo a pensare a questa finale“.

Rossoneri più intraprendenti – Il Milan è partito subito forte, ed ha sfiorato il gol del vantaggio con Robinho al 3° minuto di gioco. Milan che ci ha riprovato al 7′ con l’insidioso tiro-cross di Flamini, che un attento Sirigu è riuscito a neutralizzare. I rosanero hanno iniziato in maniera timorosa, spaventati forse dall’importanza della gara, e si sono affacciati in avanti solo con alcune buone giocate del giovane fenomeno Javier Pastore. Le giocate del Flaco non hanno però cambiato il copione del match, che ha visto il Milan sempre molto propositivo e con il mano il pallino del gioco. Pallino del gioco che ha permesso però ai rossoneri di collezionare solo statistiche di possesso palla degne del miglior Barcellona (in alcuni frangenti nei monitor si leggeva 80% a 20% per i giocatori del Milan, ndr) e un’insidiosa punizione calciata dallo specialista Pirlo, che Sirigu ha parato alla meno peggio.

Gara decisa intorno al 75′ – Nella ripresa il Palermo ha giocato in maniera più convinta, ed ha iniziato a collezionare una serie di corner. Da quello battuto da Ilicic al 63′ è arrivato il gol del vantaggio rosanero, grazie all’incornata vincente di Migliaccio. Il gol ha dato la giusta spinta ai rosanero, che al 75′ hanno raddoppiato col rigore concesso da Rocchi per fallo di Van Bommel (espulso) su Ilicic. Rigore che è stato trasformato da Bovo, che un minuto dopo è stato espulso per un fallo su Pato. Allegri ha così inserito Cassano ed Ibra: lo svedese all’80’ ha centrato un clamoroso doppio palo a due passi dalla porta palermitana, ed ha poi segnato al 93′ il gol che ha riaperto i giochi. Gol che è arrivato però troppo tardi, perchè al 95′ Rocchi ha fischiato la fine del match, che ha dato inizio alla gioiosa festa rosanero.

Simone Lo Iacono