Napolitano bacchetta tutti: Basta politica come guerra, ma rispetto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:34

Roma – Il presidente della Repubblica: “Ci deve essere rispetto reciproco. L’Italia deve essere rispettata per la sua immagine su un piano culturale, civile e morale“.

Napolitano interviene – Il presidente della Repubblica interviene nel dibattito politico chiedendo maggiore rispetto. Il riferimento ovviamente è al presidente Berlusconi, che non ha fatto altro negli ultimi giorni che distribuire infantili insulti a tutti i suoi nemici, la giustizia e l’opposizione.
Frasi come “pm spazzatura”, o “la sinistra si lava poco”, anziché l’indifferenza hanno trovato la risposta dell’opposizione e oggi anche del Colle.
La lotta politica non deve essere una guerra continua. Ci deve essere rispetto reciproco tra le parti che competono per conquistare la maggioranza nelle elezioni“. Il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, nel corso di un evento al Quirinale sui 150 anni dell’unità d’Italia, ha rilanciato ancora una volta il suo appello ad una maggiore responsabilità.
Napolitano vuole un’Italia “più serena, meno lacerata, meno divisa dove la lotta politica. Un’Italia che sia rispettata in campo internazionale”per quello che sa dare, per il suo contributo, e per l’immagine che può  dare di sé sul piano culturale, civile e morale” continua Napolitano. 
Il presidente della Repubblica, infine, ha fatto riferimento ai suoi viaggi per l’Italia per festeggiare il 1861: “Il valore della coesione sociale si è rafforzato. Ho visto partecipare a questi festeggiamenti italiani di tutte le età, di tutte le parti del paese, di tutte le generazioni. Di tutte le idee, al di là delle tante tensioni e divisioni che purtroppo affliggono il Paese. Guai se non vi interessate del vostro paese, delle sorti dell’Italia e del popolo come fecero i giovani del Risorgimento. Fatevi guidare da grandi ideali e valori che sono fondamentali per il futuro della nostra Italia“.
Frasi che ovviamente troveranno il consenso anche di Berlusconi, che sa benissimo che Napolitano è il politico maggiormente apprezzato nel paese.

 Matteo Oliviero