Salone Internazionale del Libro 2011: ospiti e novità

Fiera a Torino 2011

Torino 2011- Da giovedì 12 a lunedì 16 maggio, torna al Lingotto Fiere di Torino, il Salone Internazionale del Libro, quest’anno alla sua ventiquattresima edizione. Il tema, particolarmente significativo in relazione ai festeggiamenti dei 150 anni dell’ Unità di Italia, prosegue la riflessione sulla memoria avviata lo scorso anno. In un percorso critico che parte con cinque incontri dedicati ai personaggi protagonisti del nostro Risorgimento, si arriva alle riflessioni sulla lingua nazionale e al suo rapporto con gli innumerevoli dialetti dello stivale, senza dimenticare uno sguardo al futuro attraverso la nuova frontiera della lettura: il libro digitale.

Mostra- Nella struttura costruita per ospitare le gare di pattinaggio sul ghiaccio dei Giochi Olimpici Invernali di Torino 2006, l’ Oval, sarà allestita la mostra “1861-2011. L’Italia dei Libri”, iniziativa dell’organizzazione dello stesso Salone Internazionale del Libro, prodotta con il sostegno del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. La mostra, curata da Gian Artuto Ferrari (presidente del Centro per il Libro e la Lettura), ripercorre la storia del bel paese attraverso fotografie, schede, curiosità e, in primis, i volumi che hanno caratterizzato un paese che, nato con una popolazione per il 70% analfabeta, è oggi il mercato editoriale settimo al mondo.

Neri Marcorè- Tra i numerosi ospiti di questa edizione Neri Marcorè, attore ed imitatore da anni ormai presente sul piccolo schermo accanto a personaggi del calibro di Corrado e Sabina Guzzanti. Il suo volto è spesso associato a quelli di Jovanotti e Ligabue, di Mastella e Di Pietro, di Capezzone e Angela, tutte sue riuscitissime imitazioni. Anche il suo legame con i libri è consacrato televisivamente, grazie alla conduzione del programma “Per un pugno di libri“, quiz di Rai3 che vede contrapposte, ogni puntata, due classi di scuole superiori che si sfidano a colpi di conoscenze letterarie. Neri Marcorè, che ha preso il posto di Patrizio Roversi alla conduzione, è affiancato dal giornalista e responsabile della programmazione culturale Radio Rai, Pietro Dorfles, nella gestione di quello che è rimasto uno dei pochi programmi dedicato ai libri.

Maria Serena Ranieri