“Antony Gormley: Drawing Space” al MACRO

Presso il MACRO, Museo d’Arte Contemporanea di Roma, sarà possibile, fino al dodici giugno, prendere parte alla prima mostra monografica italiana dedicata all’artista inglese Antony Gormley. Sebbene quest’ultimo sia molto più celebre per le proprie sculture che per altri tipi di lavoro, l’esposizione alla quale è possibile partecipare presso il MACRO riguarda dei disegni. “Antony Gormley: Drawing Space” è il nome che è stato dato a tale evento che è stato allestito molti mesi fa. Ormai è dal ventisei ottobre che le opere dello scultore di “Angel of the north” si trovano presso il museo romano.

Promosso da Roma Capitale, Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione – Sovraintendenza ai Beni Culturali, tale evento costituisce un’occasione per approfondire un tipo di arte decisamente meno conosciuta ma non per questo priva di fascino. Sono molti coloro che apprezzano l’arte fino a Picasso ma che guardano agli artisti contemporanei, il cui scopo è spesso molto più concettuale che figurativo, con meno trasporto. Sebbene siano pochi coloro che apprezzano la pop-art più della pittura rinascimentale, emulare i “grandi classici” della storia dell’arte sarebbe, al giorno d’oggi, controproducente.  Se l’arte è lo specchio di un’intera società bisogna “arrendersi” di fronte all’idea del fatto che, probabilmente, ora non si vive più all’interno di un mondo che si lascerebbe rappresentare da un Mantegna o da un Antonello da Messina, e che l’arte si ritrova spesso a dover giungere a ben precisi compromessi con il lato estetico della propria essenza a favore del concetto che vuole essere rappresentato.

Tutti coloro che hanno voglia di prendere parte a tale esposizione, potranno recarsi durante un qualunque giorno della settimana, lunedì escluso, presso il MACRO dalle undici alle ventidue. Il costo del biglietto intero è di undici euro, mentre il prezzo di quello ridotto è di nove euro. Anche il MACRO parteciperà all’attesissima Notte dei Musei: sabato quattordici maggio sarà possibile prendere parte all’esposizione di Antony Gormley fino alle due del mattino.

Martina Cesaretti