Genova, in manette gang che rapinava sui treni

Più di 12 colpi effettuati. Prima facevano finta di chiedere l’elemosina, mostrandosi docili e innocui, poi finivano per rapinare disabili, giovani studenti e anziani. Il tutto di solito si svolgeva all’interno delle carrozze dei treni che viaggiano lungo la tratta SavonaGenova, soprattutto quando le vittime prescelte si trovavano sufficientemente distanti dal resto dei passeggeri. A risalire all’identità dei rapinatori ci ha pensato la polizia ferroviaria, che nelle ultime ore ha emesso ordinanze di custodia cautelare in carcere per sette persone, quattro di origine romena e tre marocchini. La cosiddetta ‘gang delle rapine’ nel complesso dovrebbe esser riuscita a mettere a segno almeno 12 colpi, anche se non si esclude che diverse rapine non siano state denunciate dalle vittime.

Terrore sui treni. Per i pendolari che viaggiano lungo la tratta Savona-Genova la gang era divenuta un vero e proprio incubo, dal momento che i borseggiatori arrivavano anche a minacciare le proprie vittime con coltelli o taglierini. Da febbraio i 7 avevano compiuto infatti ben 12 rapine, una delle quali nei confronti di un soggetto disabile. La polizia ferroviaria ligure ha emanato 7 ordinanze di custodia cautelare in carcere nei confronti dei rapinatori (4 dei quali sono già in cella mentre 3 sono ancora latitanti). I dirigenti della Polfer ligure, nel frattempo, cercano di rassicurare i viaggiatori e fanno sapere che “dopo questi sette arresti l’attività di prevenzione con agenti in borghese continua”.

Gianluca Bartalucci