Bisceglie, imprenditore trovato morto in un pozzo

Misterioso ritrovamento. Giallo nelle campagne attorno a Bisceglie, dove nel pomeriggio di ieri un agricoltore ha trovato il corpo di un uomo sul fondo di un pozzo che si trova non troppo distante dalla sua casa. Quando l’agricoltore ha dato l’allarme, le forze dell’ordine prontamente intervenute sul posto hanno capito subito che si trattava del cadavere del 62enne Nunzio De Girolamo, imprenditore edile di Trani scomparso ieri mattina. Gli investigatori dei carabinieri si sono già messi al lavoro per cercare di chiarire l’intera faccenda, ancora avvolta nel mistero. Nessuna ipotesi è attualmente esclusa, anche se si comincia a pensare che l’uomo possa esser stato ucciso – lo si potrebbe dedurre, in particolare, da alcune lesioni al cranio e dal fatto che i piedi sono rivolti verso il fondo.

Auto in fiamme. Nelle vicinanze del pozzo dove è stato individuato il corpo dell’imprenditore è stata anche trovata un’auto in fiamme. Sono stati i vigili del fuoco a intervenire per domare il piccolo incendio. Secondo gli investigatori questo fatto rafforzerebbe l’ipotesi dell’omicidio: sarebbe stato infatti l’assassino a bruciare l’auto, cercando di cancellare così ogni tipo di prova. Non è stato facile per i soccorsi arrivati in prossimità del pozzo tirare fuori dal pozzo il cadavere di De Girolamo. L’operazione è stata portata a termine solo nella nottata dai vigili del fuoco del nucleo speleoalpino fluviale. Sul luogo del ritrovamento è giunto anche il magistrato Michele Ruggiero, il quale coordina le indagini. Sarà un esame autoptico a chiarire le cause della morte dell’imprenditore.

Gianluca Bartalucci