Moto2, Francia: Bradl ancora da pole. Corsi e Iannone inseguono

Moto2, pole Francia – Stefan Bradl sta davvero prendendo il paddock del motomondiale in contropiede, sorprendendo tutti quanti grazie alla quarta pole position consecutiva in quattro Gp disputati. Un vero assolo del pilota tedesco che ancora una volta è protagonista di una sessione solida ed intelligente, bravissimo a sfruttare al meglio le potenzialità della moto e segnare il giro più veloce nei minuti più concitati della sessione. Non solo polso ma anche una grande maturità tecnica che lo portano ad essere uno dei candidati più sicuri al titolo mondiale. La Moto2 si presenta una categoria davvero combattuta, basti vedere i risicati distacchi in classifica.

Distacchi minimi – Il secondo classificato, lo svizzero Thomas Luthi, ha combattuto contro il pilota tedesco sino all’ultimo, arrendendosi per una manciata di millesimi ma sicuro di poter combattere ad armi pari per la gara di domani. Terzo posto per Yuki Takahashi, arretrato per la maggior parte del tempo per poi, con un pronto colpo di reni, scavalcare la classifica sino ad una preziosissima prima fila, ottimo risultato considerato l’oggettive difficoltà di un telaio Moriwaki molto indietro aerodinamicamente  parlando. Si rivedono nelle posizioni che contano anche Espargaro, Redding ed un Marquez fortemente penalizzato da un suo errore in frenata durante l’ultimo giro veloce.

Buone speranze – Mezzo sorriso per il discorso piloti italiani. Oltre infatti al solito Iannone, questa volta non troppo arretrato in griglia grazie ad un ottavo tempo, riesce a tenere botta anche Simone Corsi confermano il trend in positivo visto nell’ultimo appuntamento e terminando la sessione in settima posizione. Certo, si poteva fare anche di più ma il distacco molto contenuto con il primo dà morale. Stringono i denti Alex de Angelis e Michele Pirro, rispettivamente in dodicesima e tredicesima posizione, mentre Mattia Pasini paga ancora un eccessivo distacco dalla vetta. La gara si prevede quindi combattuto ed emozionante, sperando di non assistere a brutti incidenti che qui, purtroppo, sono quasi all’ordine del giorno. A seguire la griglia di partenza: 01)Stefan Bradl 02)Thomas Luthi 03)Yuki Takahashi 04) Aleix Espargaro 05)Scott Redding 06)Marc Marquez 07)Simone Corsi 08)Andrea Iannone 09)Julian Simon 10)Dominique Aegerter 11)Jules Cluzel 12)Alex De Angelis 13)Michele Pirro 14)Axel Pons 15)Mattia Pasini 16)Randy Krummenacher 17)Bradley Smith 18)Ratthapark Wilairot 19)Pol Espargaro 20)Max Neukirchner 21)Raffaele De Rosa

Riccardo Cangini