Serie A, Cesena-Brescia 1-0: Giaccherini gol-salvezza, delirio bianconero

Cesena-Brescia 1-0 – E salvezza fu. Grande festa al “Manuzzi” per l’1-0 del Cesena sul Brescia che significa permanenza in serie A. Un piccolo miracolo sportivo, una salvezza pronosticata da pochi ad inizio anno ma che in terra romagnola hanno sempre sognato e costruito passo dopo passo. Il gol decisivo lo ha segnato Giaccherini ma i protagonisti sono tanti, tutti: da Antonioli a Parolo, da Jimenez a Colucci. Tutti hanno dato il proprio contributo. Anche Ficcadenti che, finalmente, si lascia andare: “Adesso possiamo fare festa per questo incredibile risultato”. Mentre il Brescia, ormai senza stimoli, ha comunque tenuto alta la guardia e giocato fino alla fine. Così Iachini: E’ un’annata sfortunata: questa partita fotografa tutta la stagione”.

Cesena attivo, Brescia c’è – La partita è bella, entrambe le squadre se la giocano nonostante le motivazioni siano solo bianconere. Basta un giro di lancette e Parolo dalla distanza fa capire l’andazzo: la sua bordata è deviata sulla traversa dal portierino Leali. Jimenez e Parolo sono i più vivaci e mettono i brividi alle “rondinelle”. Ma anche Caracciolo sa come spaventare gli avversari: punizione a giro che lambisce il palo e sospiro di sollievo del “Manuzzi”. Il rigore negato al 31′ a Jimenez scalda l’ambiente, il momentaneo vantaggio del Palermo a Genova con la Samp fa iniziare la festa.

Giaccherini-gol – La Samp pareggia e il Lecce segna. La festa si trasforma in incubo? Macchè: ci pensa Giaccherini. L’esterno prova la conclusione, un tocco di Bega spiazza Leali ed è vantaggio. Tripudio e delirio. La salvezza è ad un passo. Giusto il tempo di esultare ancora per il nuovo gol del Palermo e per soffrire su un colpo di testa di Caracciolo salvato sulla linea da Santon.
Non succede più nulla. Se non una grande festa. Il Cesena è salvo. Sarà ancora serie A.

Edoardo Cozza