Elezioni, soddisfatto Paolo Ferrero: Bene la FdS, Pisapia e De Magistris candidati di vera sinistra

In crescita la Federazione della Sinistra. “Nonostante la vergognosa censura mediatica di cui siamo stati oggetto, la Federazione della Sinistra cresce nelle elezioni amministrative. Nelle elezioni provinciali, la somma dei voti delle forze che fanno parte della Federazione della Sinistra da luogo ad un risultato del 4,1%. Questo risultato rappresenta una crescita netta sia rispetto alle elezioni europee (era il 3,5% ) che rispetto alle elezioni regionali (era il 3,4%). Nulla di clamoroso, tuttavia rappresenta una crescita reale della Federazione ed è – per rimanere a sinistra – un risultato percentuale identico a quello di Sel (4,1% pure loro) e di poco inferiore a quello dell’IdV (4,8%). Non male visto il completo oscuramento di cui siamo stati oggetto“. Il segretario di Rifondazione Comunista, Paolo Ferrero, non nasconde la propria soddisfazione per l’esito del voto amministrativo di ieri, in particolare nella città di Milano, dove la Fds ha sostenuto Giuliano Pisapia sin dalle primarie, e ancor di più a Napoli, dove Luigi De Magistris, candidato dell’Idv e per l’appunto della Federazione della Sinistra, ha addirittura avuto la meglio sul rivale Morcone, sostenuto da Pd e Sel.

Due candidati di sinistra vera. “La candidatura di Pisapia nelle elezioni primarie a Milano – sottolinea Ferrero – era stata sostenuta da Sel e dalla Federazione della Sinistra, che a Milano totalizza un 3,2 %, così come la candidatura di De Magistris a Napoli è stata sostenuta dall’IdV e della Federazione della Sinistra, che totalizza il 3,6%. Anche qui, nulla di incredibile ma certo la Federazione della Sinistra è stata protagonista dei due fatti politici più rilevanti avvenuti nelle elezioni: la possibilità concreta di sconfiggere le destre ad opera di candidati di sinistra vera”.

Avanti con la sinistra unita, ma senza il centro. “Dalle elezioni – rimarca il numero uno del Prc – esce quindi confermata la validità della nostra proposta politica: la possibilità concreta di battere le destre attraverso una alleanza delle forze di centro sinistra e di sinistra, senza alleanze con il centro, e la necessità di unire le forze della sinistra (Federazione, Sel, Idv) al fine di modificare profondamente il profilo programmatico e politico del centro sinistra”. “Mi pare che in questo clima in cui tutti fanno a gara a dichiararsi liberali e democratici – conclude Ferrero – i mezzi di comunicazione dovrebbero dar conto di questi elementi di realtà”.

R. E.