Dopo il successo della passata edizione, torna alla Biblioteca delle Oblate di Firenze “Maggio Libri”, il ciclo di incontri dedicati al mondo della lirica, nato dalla collaborazione tra il 74° Festival del Maggio Musicale Fiorentino e la Cooperativa Archeologia. Ad inaugurare la manifestazione, stasera alle 18:00, Aldo Nicastro e Cesare Orselli con la presentazione del loro “Guida al Teatro d’opera” (Zecchini Editore, 2011), un volume ambizioso, di oltre 600 pagine, che analizza 400 anni di musica, 850 compositori, 160 opere e fornisce 400 consigli discografici. Da Adams a Zimmermann, un prezioso vademecum che con spirito tagliente esamina autori illustri e meno, esplorando, per ognuno di essi, le fonti e le trame di ogni opera, il background storico e il grado di “contemporaneità”, non tralasciando aspetti collaterali che vanno da un’ampia rassegna delle voci critiche agli aneddoti, talora divertenti, in grado di alleggerire il percorso e stimolare la curiosità del lettore.

Martedì 31 maggio, sempre alle ore 18.00, Gastón Fournier-Facio, attuale coordinatore artistico per il Teatro alla Scala di Milano, presenterà “Gustav Mahler. Il mio tempo verrà” (Il Saggiatore, 2010), dedicato al grande compositore e direttore d’orchestra austriaco, scomparso nel 1911. Appuntamento doppio il 7 giugno alle 18.00, con la presentazione di “Controtenori. La rinascita dei «nuovi angeli» nella prassi esecutiva dall’opera barocca” di Alessandro Mormile, una peregrinazione sulla figura del controtenore e del suo impiego nelle moderne esecuzioni delle opere barocche. A seguire, “Lustrini per il regno dei cieli. Ritratti di evirati cantori” di Luca Scarlini, sulla figura dei castrati, che illumina alcune zona d’ombra nella saga plurisecolare degli eunuchi italici, vite d’inferno al servizio del paradiso.
Chiuderà la rassegna, il 21 giugno prossimo, Simonetta Chiappini con “O patria mia – Passione e politica nel melodramma italiano dell’Ottocento” (Le Lettere, 2011).

Valentina De Simone