Lamberto Sposini si è svegliato dal coma farmacologico

La notizia è stata diffusa da poche ore e crea sicuramente un nuovo ottimismo sulle condizioni di salute di Lamberto Sposini, sebbene non si possa dire ancora quali siano esattamente tali condizioni.

Il risveglio dal coma farmacologico del giornalista apre nuove speranze in tutti coloro che stanno seguendo la sua vicenda e che sperano in una ripresa completa e prossima, non solo amici, parenti e colleghi, ma tutto il pubblico che ha sempre amato Lamberto Sposini.

Dal giorno dell’intervento per la rimozione dell’esteso ematoma cerebrale le gravi condizioni cliniche del giornalista, ricoverato nel Policlinico universitario Gemelli, hanno presentato un continuo e progressivo anche se lento miglioramento, senza momenti di particolare criticità“, si legge dal bollettino dei medici del Policlinico Gemelli che tengono sotto controllo la situazione.

Purtroppo, nonostante i miglioramenti dichiarati, non si può di certo ancora valutare quali danni permanenti abbia prodotto l’emorragia che ha colpito il giornalista il 29 aprile scorso, qualche minuto prima di andare in onda con La vita è in diretta. La prognosi non può essere ancora sciolta dai medici che proseguono cauti anche nell’ottimismo.

Nel frattempo si attendono quotidianamente notizie che accrescano e motivino la speranza di ripresa dell’amato giornalista e di recupero generale delle sue funzioni.

Sono in tanti ad aspettarlo, insieme a Mara Venier, per riprendere il suo posto nella conduzione della Vita in Diretta, posto che nessuno prenderà, come affermò la Venier.

La solidarietà che si è stretta intorno a Lamberto attraverso i media, dimostrano quanto si faccia amare dal pubblico e quanto è apprezzato professionalmente e umanamente. Lamberto Sposini, in questo momento, ha attorno a sé tantissime persone che pregano e sperano nella sua ripresa e attendono ogni giorno notizie sul suo stato. Oggi, sebbene non determinante, la notizia dell’uscita dal coma di Lamberto Sposini farà gioire e accrescere la speranza!

Caterina Cariello