MotoGP, Stoner soddisfatto della nuova Honda 1000

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:37

MotoGP, debutto Honda 1000 – Dopo Ducati, anche la Honda ha fatto scendere in pista per la prima volta il suo prototipo 2012 che segnerà il ritorno della mille di cilindrata nel motomondiale. Sul circuito di Jerez de la Frontera (lo stesso usato dai tecnici di Borgo Panigale per la Gp12), Casey Stoner ha potuto toccare con mano il nuovo progetto, rimanendo positivamente soddisfatto: “Tutto è andato molto bene, è stato un test molto positivo. È bello tornare a guidare una mille e sentire la potenza del motore. Mi sono divertito molto e sono contento perché tutto quello che abbiamo provato ha funzionato bene” Anche lui quindi è felice del ritorno di un motore più presente e cattivo, proprio come ai bei tempi.

Il lavoro svolto – “Non ci siamo concentrati su un aspetto in particolare, abbiamo girato per cercare di capire come funziona la nuova moto, come si comporta in frenata e cose del genere, tenendo in mente anche le problematiche che abbiamo quest’anno con la RC212V. La stabilità sul davanti in ingresso curva sembra molto buona, la frenata più stabile. Ero curioso di capire come sarebbe stata l’erogazione della potenza, ed è molto dolce, quindi nessun problema. Non abbiamo fatto grossi cambiamenti alla messa a punto rispetto all’assetto della 800 e il feeling è molto simile, quindi sono molto soddisfatto”. Una sottile conferma che le nuove Moto1 non saranno moto completamente slegate dalle attuali 800, bensì una evoluzione in grado di attenersi ai nuovi regolamenti.

Pedrosa assente – Rispetto però alla casa italiana, la Honda ha potuto provare con un solo pilota visto che l’altro ufficiale era proprio Daniel Pedrosa, infortunato alla clavicola dopo il fattaccio con Simoncelli a Le Mans: “Mi dispiace tantissimo che Dani non sia qui e non abbia potuto provare la moto, perché le sue impressioni sono importanti per lo sviluppo. Spero che la HRC possa avere il suo riscontro quanto prima perché abbiamo bisogno del maggior numero di dati per essere pronti per la prossima stagione” Casey quindi vuole che la sua nuova squadra sia preparata al 100% in vista di questa comunque difficile sfida. Le premesse sono buone e il nuovo assetto della classe regina sta pian piano trovando sempre più consensi. Ma la strada è ancora lunga, davvero lunga.

Riccardo Cangini