Don Seppia si difende: Gli sms erano un gioco, mai abusato di ragazzini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:14

Giochi di fantasia, forse immorali, ma niente di reale. Si è così difeso oggi don Riccardo Seppia, il prete di Sestri Ponente arrestato negli scorsi giorni con le accuse di abusi sessuali su minori e cessione di sostanze stupefacenti con l’intento di piegare la volontà dei giovani che frequentavano la canonica.
A riferire il tutto è stato il legale dell’ex parroco – ex dal momento in cui il cardinale Angelo Bagnasco ha sospeso dall’incarico sacerdotale il presunto colpevole – che è tornato a parlare dopo l’incontro avuto tra l’arrestato e il sostituto procuratore Stefano Puppo. L’avvocato Paolo Bonanni ha inoltre confermato che a giorni il suo assistito verrà trasferito in un altro penitenziario ligure.

Episodi ridimensionati – Queste le parole utilizzate da Bonanni per descrivere l’esito dell’interrogatorio a cui è stato sottoposto don Riccardo Seppia: “I capi di imputazione sono sempre gli stessi, non sono stati contestati ulteriori episodi. Si tratta di abuso sessuale e cessione di stupefacenti che direi complessivamente ridimensionati. Fondamentalmente, abbiamo risposto punto per punto all’interrogatorio, sicuramente gli episodi sono stati ridimensionati dal mio assistito“.
La difesa del presunto pedofilo ha tenuto a sottolineare che allo stato attuale “non sono emersi elementi concreti di rapporti con bambini, si è parlato solo di rapporti con maggiorenni e don Seppia ha confermato che le millanterie contenute nelle conversazioni telefoniche erano un gioco“.
Accuse che al momento, dunque, non potrebbero essere “corroborate da nessun elemento”.

Troppi insulti – Il legale ha poi ribadito che la richiesta di essere trasferito in un’altra casa circondariale non è dipesa da negligenze da parte della polizia penitenziaria, ma dalle pressioni che gli altri detenuti hanno rivolto nei confronti dell’ex curato: “La richiesta di don Seppia non dipende da un difetto di controllo da parte del carcere di Marassi che è assolutamente esemplare da questo punto di vista. Il mio assistito mi ha riferito che il personale è assolutamente attento a ogni sua esigenza di sicurezza”.

S. O.